Home arrow last news
Home
spettacoli
eventi
danze nelle opere
la compagnia
coreografo
la scuola
associazione
calendario
stories
last news
video
progetti
Dove siamo
audizione
trasparenza
area vendita

scegliete qui lo spettacolo
per il vostro teatro o festival
stagione 2019/2020 ↓


last news
Miti in Scena in Sicilia PDF Stampa E-mail

COMUNICATO

Il Balletto del Sud inaugura con “MITI IN SCENA”
la XXVIII edizione del Festival Internazionale del Balletto, in Sicilia

Foto alta definizione
click sull'immagine e attendere download

 ↑ Nuria Salado Fustè e Alessandro De Ceglia


↑ Andrea Sirianni


↑  Alice Leoncini e Alessandro De Ceglia


↑  Paolo Ciofini

ALTRE FOTO AD ALTA DEFINIZIONE

INFORMAZIONI SPETTACOLO


documento formato word

 




l  Balletto del Sud presenta, nel cartellone della XXVIII edizione del Festival Internazionale del Balletto, in Sicilia, lo spettacolo: Miti in Scena, recital di teatro e danza dedicato al mito antico ed ai racconti mitologici. 

Gli spettacoli sono previsti per sabato 26 ottobre (ore 20.30) al Teatro Politeama di Caltagirone – Catania – e Domenica 27 ottobre (ore 18.30) al Teatro Garibaldi di Avola – Siracusa-.

"Miti in Scena" porta in rassegna capolavori della musica e della letteratura a soggetto mitologico, alternando balletti tratti dal repertorio classico - ricostruiti nei costumi e nello stile - a coreografie a tema create dal direttore della compagnia Fredy Franzutti.


L’arte dello spettacolo e della rappresentazione è stata da sempre affascinata dalla cultura classica del mito e delle divinità greche.


Le statue di Fidia, il tempio di Atena Nike, hanno affascinano la cultura europea influenzando, le arti figurative e plastiche, e anche il balletto e la musica.
Fin dal settecento gli scavi del tedesco Johann Winckelmann affascinano e influenzano il gusto estetico successivo.
L’arte greca, la plasticità delle statue, le scene descritte sui vasi - ninfe e fauni che si inseguono all’infinito - le maschere della tragedia, sono state fonte di ispirazione e materia di reinterpretazione per musicisti e coreografi che, attratti dal gusto e dalla ricerca per il classico, hanno creato capolavori della musica e del balletto.


Il programma alterna, con diverse soluzioni, quadri emozionali ed evocativi a brani di brillante virtuosismo.

Protagonisti sono i primi ballerini del Balletto del Sud: Nuria Salado Fustè, Alessandro De Ceglia e Matias Iaconianni e alcuni solisti Alice Leoncini, Paolo Ciofini, Lorenzo Lupi e Valerio Torelli.

Partecipa allo spettacolo l'attore Andrea Sirianni, residente nella compagnia, impegnato nell’interpretazione di testi di Gianbattista Marino – l’elogio alla rosa da "L’Adone", il monologo di Aiace - di Sofocle -, l'Ulisse - avvolto dalle fiamme, dal XXVI canto dell'Inferno di Dante -, e la poesia Itaca di Costantino Kavafis.

L’inizio della serata è un “Elogio alla Rosa”, con il celebre adagio di Čajkovskij, seguito da un passo a due dedicato alle metamorfosi di Ovidio. Vediamo poi: l’Idolo d’oro - traduzione di Apollo nella cultura indiana -, gli amori contrastati di Piramo e Tisbe, un quadro dedicato alla figura mitologica del tritone, l’incontro tra Leda e Giove mutato in cigno, il mito della nascita dell’uomo sotto gli incantesimi di Prometeo,  Cupido nella brillante coreografia di Marius Petipa, il rapimento del giovane Ganimede da parte di Giove.

Lo spettacolo "Miti in Scena" è l’apertura della XXVIII edizione del Festival Internazionale del Balletto realizzato con successo in Sicilia, diretto e organizzato dall’associazione "Arteviva".


Il Balletto del Sud ha partecipato stabilmente a tutte le edizioni dal 2005 ad oggi, presentando dalle rivisitazioni dei grandi titoli della tradizione romantica a spettacoli con concezione moderna, serate di Teatro e Danza anche con ospiti internazionali come i primi ballerini dell’Opera di Sofia, Lindsay Kemp e Luciana Savignano.
Tra i suggestivi contenitori che hanno, negli anni, ospitato le diverse edizioni del Festival ricordiamo: il Castello Maniace e le Latomie del Paradiso di Siracusa, i Teatri di Avola, Noto e Caltagirone.


Per informazioni: 0832.453556

 

 

 
Premio Zeus 2019 PDF Stampa E-mail

Premio Zeus – Premio Internazionale di Archeologia – Città di Ugento



Immagini alta definizione click sull'immagine e attendere download
↑ locandina della serata


Nuria Salado Fustè


Andrea Sirianni ↑

 


↑ Fredy Franzutti, regista e coreografo

 

 

Il 21 settembre 2019
il Balletto del Sud è protagonista
del "PREMIO ZEUS - internazionale d'archeologia"
nella Piazza San Vincenzo di Ugento (Lecce)



l Comune di Ugento presenta, sabato 21 settembre 2019 - ore 20:30, nella cornice di Piazza San Vincenzo, la VI edizione del Premio Zeus - internazionale di archeologia, spettacolo composito di danza, musica e teatro, interamente dedicato alla mitologia, con la direzione artistica del coreografo Fredy Franzutti.

La cerimonia di premiazione ha la finalità di valorizzare personalità del mondo della cultura con gli intenti di creare le condizioni abilitanti per interpretare il complesso mondo dell’archeologia e dei beni culturali; di sensibilizzare alla tutela e salvaguardia del patrimonio archeologico, storico e culturale; di sollecitare una percezione dinamica e un’elaborazione cognitiva di tipo emotivo e di fidelizzare il pubblico attraverso la creazione di pratiche partecipative come appunto lo spettacolo che presentiamo.

Il premio è riservato a tre sezioni decise autonomamente dal Comitato scientifico: Premio alla carriera; Gestione museale; Trasmissione televisiva/documentario archeologico, e altre tre valutate dallo stesso comitato in base alle candidature pervenute in seguito alla pubblicazione del bando: Restauro Archeologico; Giovani laureati in Archeologia in Italia e all’estero; Innovazione e Tecnologia.

Anche per l'edizione 2019 il premio si dota di un prezioso trofeo appositamente creato da Paolo Davide Pappadà. Creazioni in rame, realizzate totalmente a mano, sono il risultato di una ricerca tecnica inscindibile da quella artistica.

I candidati al premio Zeus - internazionale di Archeologia - hanno partecipato ad un bando aperto a giovani laureati in archeologia in Italia e all’estero, a professionisti e imprese, associazioni e altri soggetti del settore aventi personalità giuridica.

Le candidature sono state valutate da un apposito Comitato Scientifico composto dal Sindaco della Città di Ugento, l'avv. Massimo Lecci, dal Direttore Scientifico del Premio Ludovico Solima – Professore associato di Economia e gestione delle imprese e docente di “Management delle imprese culturali” presso l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” – e da un rappresentante designato dai seguenti partner affiliati: Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi, Lecce e Taranto; Museo Archeologico Nazionale di Taranto; Polo Museale della Puglia; Università del Salento, Dipartimento di Beni Culturali; Fondazione Museo Civico di Rovereto; Federculture. 


La serata, che prevede interventi di danza, teatro e musica con il tema comune del mito antico e della cultura classica, è condotta dalla giornalista Livia Azzariti, personaggio della televisione italiana, medico, nota per la conduzione di diverse edizione di Uno Mattina su Rai Uno.

Protagonisti sono i danzatori del Balletto del Sud, compagnia di balletto, vero vanto della cultura pugliese, con i primi ballerini: Nuria Salado Fustè, Alessandro De Ceglia e Matias Iaconianni; gli attori Andrea Sirianni e Donato Chiarello.



La serata presenta gli dei dell'Olimpo nelle rappresentazioni cinquecentesche, fa vivere  gli amori contrastati di Piramo e Tisbe, l'elogio alla Rosa dall'Adone di Gianbattista Marino, le metamorfosi di Ovidio, Leda e il Cigno, il mito del tritone - figlio di Poseidone e della nereide Anfitrite -, e poi ancora Orfeo all'Inferno, l'idolo d'oro e il mito di Aracne trasformata in ragno da Atena

L'attore Andrea Sirianni è impegnato nell’interpretazione del Marco Antonio da Giulio Cesare di Shakespeare, Aminta di Torquato Tasso e lettura della poesia Itaka di Kavafis
L'attore Donato Chiarello introduce i miti con delle affascinanti letture.

Ingresso libero, per informazioni: Pro loco di Ugento 0833555644 / Balletto del Sud 0832 453556.


 
La Bella Addormentata estate 2019 PDF Stampa E-mail

   Foto di Monica Bragagnoli ↑
 

La Bella Addormentata del Balletto del Sud
Tournée in Sicilia, Puglia e Toscana
La taranta sostituisce il fuso in uno spettacolo omaggio
a Lindsay Kemp


FOTO ALTA DEFINIZIONE
click sulla foto e attendere downoad


LA BELLA ADDORMENTATA

 

 


 

  ↑ Fredy Franzutti

 


comunicato formato word

Nell'estate 2019 il Balletto del Sud, la compagnia diretta da Fredy Franzutti - coreografo di agile eclettismo, fra i più conosciuti e apprezzati in Italia e all'estero - porta in tournée, in Sicilia, Puglia e Toscana, “La Bella Addormentata", uno dei titoli di maggior successo del suo repertorio- .

Replicato in importanti festival e teatri, per un totale che raggiunge le 130 repliche - sia in Italia che all’estero-, lo spettacolo, con la coreografia di Fredy Franzutti,  sulle note di Pëtr Il´ič Čajkovskij, ha raccolto ovunque entusiastici consensi di pubblico e critica per la propria ambientazione, originale e sorprendente, perfettamente funzionale allo svolgimento del racconto e alle musiche.  Già il noto critico di danza Vittoria Ottolenghi definì l’allestimento come frutto di “un’idea geniale!”

Nell’edizione "classica", del coreografo Marius Petipa, la trama del balletto deriva da “La belle au bois dormant” dello scrittore francese Charles Perrault. Il racconto di Perrault, a sua volta, è ispirato dalla favola “Sole, Luna e Talia” dello scrittore campano Giambattista Basile.
Franzutti, nella propria versione del balletto, sposta l’azione e si ispira, in maniera più articolata, al racconto di Basile. Questi narra di una principessa addormentata per un incantesimo nel Mezzogiorno d'Italia. Parte da questa prerogativa geografica lo speciale intervento creativo di Franzutti che riporta la trama del balletto nel luogo d’origine, ovvero il Sud del nostro paese.

Ciò ha permesso una precisa connotazione di carattere storico e folklorico, ovvero la sostituzione della puntura con il fuso con il morso della tarantola salentina.

La Principessa Aurora è quindi, nell'edizione di Franzutti, una fresca ragazza mediterranea a cui una vecchia maga predice un atroce destino. Sarà la magia della zingarella Lilla e il bacio d'amore di un principe-antropologo sulle orme della leggenda a destare la fanciulla dal suo sonno centenario.
Per la leggibilità della drammaturgia, per l'efficacia dell'ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi, lo spettacolo ha raccolto, sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione del pubblico.
Gli assieme dei danzatori nella brillante realizzazione delle scene più festose e l'accurata esecuzione dei protagonisti hanno contribuito al successo dello spettacolo.


Protagonisti sono i solisti del Balletto del Sud: Nuria Salado Fusté (Aurora), Matias Iaconianni (Ernesto, l’antropologo), Carolina Sangalli (Jargavan, la fata dei lillà), Alessandro De Ceglia (Roberto, il padre di Aurora), Beatrice Bartolomei (Silvia, la madre di Aurora), Alice Leoncini (la principessa Fiorina) e Alexander Yakovlev (l'uccellino azzurro).

Il ruolo en travesti della strega Carabosse (personaggio creato da Franzutti per Lindsay Kemp e alla cui memoria lo spettacolo è dedicato) è interpretato dall'attore Andrea Sirianni.

Completano le scene di gruppo: Eva Colomina, Ana Clara Iribarne, Benedetta Maldina, Federica Scolla, Fabiana Serrone, Alessandra Buffelli, Naomi Margheriti, Luana Panico, Ovidiu Chitanu, Paolo Ciofini, Lorenzo Lupi, Lucio Mautone, Giuseppe Stancanelli, Valerio Torelli; emblemi di una bella e solida realtà nazionale che ha saputo collezionare successi in numerose tournée italiane ed europee.


Matias Iaconianni, ballerino argentino con esperienze solistiche e principali di livello internazionale è entrato, dall'estate 2019, nell'organico stabile del Balletto del Sud.

Matias danza al fianco di Nuria Salado Fustè, nella tournée estiva de "La Bella Addormentata" e in "Serata Romantica". Matias Iaconianni, diplomato alla Hamburg Ballet School è presto nella prestigiosa compagnia Hamburg Ballet diretta da John Neumeier dove danza anche ruoli da solista. E poi solista e Primo Ballerino in diverse compagnie in Europa ed in Argentina.


Le scene sono firmate e realizzate da Francesco Palma.

Lo spettacolo replica: il 30 luglio al Teatro Greco di Tindari - Patti (ME); il 31 luglio al Teatro di Verdura di Palermo (PA); l'8 Agosto nel Chiostro del Convento dei Teatini a Lecce (LE); il 13 Agosto 2019 al Festival la Versiliana - Marina di Pietrasanta (LU); il 1 Settembre 2019 al Teatro G. Di Stefano - Trapani (TP).

Per le date di Tindari e Palermo, il Balletto del Sud sarà accompagnato dall'Orchestra Sinfonica Siciliana, diretta, per l'occasione, dal maestro Eliseo Castrignanò.

Marcello Panni, direttore artistico dell'Orchestra Sinfonica Siciliana ha voluto lo spettacolo per le repliche con l'Orchestra nel Teatro di Tindari e Palermo dichiarando: “Conosco la compagnia e la loro divertente Bella Addormentata, creata con geniale efficacia drammaturgica da Fredy Franzutti, che stimo come artista e uomo di impresa e cultura. Sicuramente è l'inizio di una felice e duratura collaborazione che ci porterà anche nella prossima stagione estiva a programmare spettacoli di sicuro successo”

***

La compagnia Balletto del Sud è anche impegnata, nello spesso periodo, con la realizzazione del progetto “Itinerario Danza XXIV edizione ”, con “La Stagione di Danza – Lecce Estate 2019”, con il “Festival Agorà” di Ugento/Gemini, con il “Premio Giunco” di Presicce-Acquarica, con il “Premio Zeus” di Ugento.

La Bella Addormentata" verrà, inoltre, replicato per la tournée invernale 2019/2020, il 4 e 5 Dicembre 2019 al Teatro Bellini di Napoli (NA) e il 7 Dicembre 2019 al Teatro Tosti di Ortona (CH).

Per informazioni: www.ballettodelsud.it
0832 45 35 56

 
 
 
 
 
Serata Romantica - estate 2019 PDF Stampa E-mail


↑ FOTO ALTA DEFINIZIONE  click per download

 COMUNICATO

La “Serata Romantica” del Balletto del Sud
in tournée nell'estate 2019

 SERATA ROMANTICA

↓ FOTO ALTA DEFINIZIONE  click per download
 
 

↑ Nuria Salado Fuste e Alexander Yakovlev
 

↑ Paolo Ciofini e Lorenzo Lupi
 

 ↑ Carolina Sangalli
 
↑ Matias Iaconianni
 
 ↑ Ovidiu Chitanu
 
Andrea Sirianni



comunicato formato word
 
 
 Il Balletto del Sud presenta, nell'estate 2019, “Serata Romantica” spettacolo di danza e poesia con coreografie su musiche di Chopin, Adam, Schneitzhöffer, Delibes, Verdi, Hérold, Saint-Saens e con le poesie di Giacomo Leopardi, nei 200 anni dalla scrittura de “L'Infinito”.

Le pagine più belle del repertorio ballettistico del periodo romantico (Giselle, La Sylphide, Les Sylphides, La Fille mal gardée) e altre coreografie nel genere (La Traviata, L'Acquario) intervallate dalle rime del poeta di Recanati - ritenuto il maggior poeta dell'Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale -.


Protagonisti sono i solisti del Balletto del Sud: Nuria Salado Fustè, Matias Iaconianni, Alexander Yakovlev, Alessandro De Ceglia, Alice Leoncini, Carolina Sangalli, Paolo Ciofini, Ovidiu Chitanu, Ana Clara Iribarne, Benedetta Maldina, Lorenzo Lupi e con Andrea Sirianni, attore dotato di eloquio elegante e dizione corretta che, anche per le sue esperienze sui testi di Gabriele D’Annunzio e W.H. Auden, si può considerare uno specialista dell’interpretazione del testo in poesia.

Molte sono le qualità che accostano la poetica di Leopardi alle melodie della musica romantica, caratterizzate dal pessimismo degli autori: probabile effetto delle patologie che spesso li affliggevano e sviluppatesi successivamente in un sistema complesso poetico e filosofico che ha coinvolto anche le arti figurative e la danza.
Chopin e Leopardi, ad esempio, nacquero a dodici anni di distanza ma furono coetanei nella morte, giunta per entrambi a soli trentanove anni.
Durante la serata i brani più celebri del balletto e le rime del grande poeta italiano dell’Ottocento rievocheranno le suggestioni del Romanticismo.


Il programma, concepito e diretto da Fredy Franzutti, che cura anche alcune coreografie, è uno studio che realizza uno spettacolo di danza, con raffinato programma, per danzatori solisti, attore e spesso musica dal vivo.

Lo spettacolo replica il 24 Luglio al Teatro Romano di Ferento (Viterbo), il 26 Luglio al Castello Normanno di Cosenza, il 10 Agosto nel Fossato del Castello di Corigliano D'Otranto (Lecce), il 16 Agosto nella Piazza San Vincenzo di Ugento (Lecce) e il 22 Agosto nel Chiostro del Convento dei Teatini di Lecce.

Per informazioni: www.ballettodelsud.it

***

La compagnia Balletto del Sud è anche impegnata, nello spesso periodo, con la tournée nazionale di “La Bella Addormentata”, con la realizzazione del progetto “Itinerario Danza XXIV edizione ”, con “La Stagione di Danza – Lecce Estate 2019”, con il “Festival Agorà” di Ugento/Gemini, con il “Premio Giunco” di Presicce-Acquarica, con il “Premio Zeus” di Ugento.

***

Andrea Sirianni - attore

Si Diploma a Roma all’Accademia International Acting School di Giorgina Cantalini. E’ ospite delle Stagioni: Due Mondi di Spoleto, Taormina Arte, Culturale Europeo di Algeri, Miami International Piano, Bellini di Napoli, Brancaccio e Olimpico di Roma, Sociale di Trento, Opera House de Il Cairo.
Recita per il Balletto del Sud in spettacoli di teatro musica e danza del regista e coreografo Fredy Franzutti ne:  Eleonora Duse, sogni delle stagioni su testi di D’Annunzio al Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera; Le Quattro Stagioni di Auden al T. Verdi di Pisa e in tournée nazionale; Shéhérazade al fianco di Luciana Savignano e Carla Fracci su novelle di Galland in moti teatri d'Italia; La Bella Addormentata e nell'Uccello di Fuoco come mimo-danzatore erede dei ruoli di Lindasy Kemp;
E' protagonista di spettacoli/concerto come: Ottocento su testi di Maria Corti e direzione artistica di Franco Battiato all’Auditorium Conciliazione di Roma; Mille Lire al Mese su testi di Maurizio Costanzo e Carlo Gaudio al T. Parioli di Roma e con il compositore Francesco Libetta, il Conservatorio Tito Schipa e le Ass. Festinamente e Festival del XVIII sec. di Lecce. È la voce recitante dell’opera Garibaldi en Sicile di Marcello Panni trasmessa su radio3 da Palazzo Quirinale in Roma, alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana. E' speaker per diverse società, enti ed aziende italiane ed estere: Farm Comunication, il Consiglio Regionale della Puglia, Voxinzebox (Marsiglia), Akoophen Prod (La Chevrolière - Nantes), Fluid S.R.L., Fondazione Notte della Taranta.


Balletto del Sud
Segreteria: tel. 0832 45 35 56

 

Informazioni spettacolo

Altre foto alta definizione


 
Franzutti all'Opera di Sofia PDF Stampa E-mail
 

 Fredy Franzutti con “Carmina Burana”
coreografo ospite al Teatro dell'Opera di Sofia


 click on the pictures
for download HD

Fredy Franzutti


Il cospo di ballo dell'Opera di Sofia
duante le prove

 

 click for word test


 

Il coreografo italiano Fredy Franzutti, direttore dal 1995 del Balletto del Sud è impegnato in questi giorni nell'allestimento della sua versione coreografica dei Carmina Burana di Carl Orff per la compagnia del Balletto Nazionale  del Teatro dell'Opera di Sofia, in Bulgaria.

   Franzutti era già stato ospite del teatro di Sofia nel 1997, in occasione della creazione di un breve balletto “On the Crossing” su musiche di René Aubry per dieci solisti del teatro.


   La prima di Carmina Burana è in programma venerdì 28 giugno – con repliche il 29 e 30 – sul palcoscenico del Parco dell' Accademia Militare "G.S. Rakovski" della Città di Sofia dove il Teatro dell'Opera svolge la sua stagione estiva.

   Una quarantina i ballerini impegnati nello spettacolo: tra questi anche le stelle dell'Opera di Sofia: l'eccellente Marta Petkova, più volte ospite apprezzata anche nei maggiori teatri lirici italiani, dal San Carlo di Napoli al Teatro Massimo di Palermo, nonché Katerina Petrova, Emil Jordanov, Tzezo Ivanov.
 
   Per la sua versione dei Carmina Burana Franzutti si ispira al soggetto originale del testo cantato, rappresentandovi il traumatico passaggio dall'adolescenza alla maturità: un gruppo di giovani Clerici Vagantes, constatato che il mondo non funziona secondo le regole morali che sono state loro impartite ma è piuttosto teatro di corruzioni, meschinità e  ipocrisie quotidiane, reagisce affermando sfrontatamente la necessità di un comportamento che ignori le regole della virtù e si tuffi, goliardicamente e sconsideratamente, a sperimentare la cinica libertà morale e una disincantata vita di piaceri.

   La coreografia di Franzutti, creata nel 2006 per il Balletto del Sud, a partire da questa stagione entra stabilmente a far parte del repertorio del Balletto Nazionale dell'Opera di Sofia. Ne sono dunque previste nuove repliche alla fine di luglio, in un diverso teatro all'aperto, altra residenza estiva del Teatro dell'Opera di Sofia.

   Nel prossimo mese di ottobre 2019 ai Carmina Burana di Franzutti è stata affidata l' inaugurazione della stagione invernale, con l'inserimento di coro, cantanti solisti e orchestra. Con tale organico lo spettacolo replicherà più volte fino a maggio 2020.

   Fredy Franzutti ha curato anche le scene e i costumi dello spettacolo. Costumi che il teatro dell'Opera di Sofia ha commissionato in Italia, alla stessa sartoria artigianale che provvede alla produzione dei costumi della compagnia Balletto del Sud.

   In oltre venticinque anni di carriera, in Italia e all'estero, il maestro Franzutti ha creato per il Balletto del Sud, compagnia da fondata a Lecce, sua città natale, oltre 40 fra titoli di repertorio e spettacoli.

    Ha creato inoltre balletti e curato le coreografie delle opere per diverse altre compagnie e teatri: per il Teatro dell’Opera di Roma, su invito di Carla Fracci e Beppe Menegatti, ha messo in scena sei diverse nuove creazioni o re-invenzioni di titoli del repertorio romantico e novecentesco. Ha inoltre collaborato con il Teatro Massimo Bellini di Catania, per le danze dell'opera Adriana Lecouvreur. All'estero, sia con coreografie originali che curando l'allestimento delle danze di varie opere, ha collaborato (per un triennio) con l’Opera di Montecarlo,  con  il Teatro dell’Opera di Bilbao, con l'Opera di Magdeburgo (Efigenia in Tauride) e con due produzioni (Carmen e Fedra) con l'Opera di Tirana. Al Teatro Bolscioi di Mosca è stato chiamato a curare la coreografia delle danze per l'opera La forza del destino.

   Sara Nora Kresteva, direttrice del Balletto Nazionale di Sofia ha commissionato a Franzutti, per la stagione 2021, la nuova versione coreografica di un titolo del repertorio classico, con il progetto di inserire stabilmente anche questa nuova creazione nel repertorio della compagnia. 
 
* * *

   Il repertorio della compagnia di balletto dell'Opera di Sofia – fondata nel 1928 e legata fin dalla fondazione alla grande tradizione russa – è fra i più ricchi di titoli di pregio e di prestigio: custodisce infatti la versione coreografica originale del Romeo e Giulietta di Leonid Lavroskij, firmata dal grande coreografo russo nel 1940 per il debutto del balletto di Prokofiev con la grande Galina Ulanova. Di Lavrovskij anche la loro versione di Giselle.  Due grandi classici come Il Lago dei Cigni e Schiaccianoci sono in repertorio nella versione di Yury Grigorovich. Non mancano titoli neoclassici: Who Cares? di George Balanchine, la Carmen Suite del cubano Alberto Alonso e In the Middle Somewhat Elevated dell'innovativo William Forsythe.
 
 
 
 
 
 
Conclude la stagione a Lecce PDF Stampa E-mail
 

CONCLUDE LA STAGIONE DI DANZA DEL BALLETTO DEL SUD
AL TEATRO APOLLO DI LECCE

con due spettacoli il 4 e 5 maggio

FOTO ALTA DEFINIZIONE
click sulla foto e attendere downoad

SERATA ROMANTICA


Andrea Sirianni


Alice Leoncini

 Ovidiu Chitano



 SERATA STRAVINSKIJ

 
Nuria Salado Fustè e Alessandro De Ceglia




Nuria Salado Fustè e Alexander Yakovlev ↑

Si conclude la stagione di danza del Balletto del Sud al Teatro Apollo di Lecce con due appuntamenti.
 
Il 4 Maggio (ore 21,00) ritorna al Teatro Apollo lo spettacolo “Serata Romantica”, Le più belle pagine del repertorio romantico  (Giselle, La Sylphide, La Bayadere, Les Sylphides) intervallate dai brani di Chopin e le rime di Giacomo Leopardi, ritenuto il maggior poeta dell'Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale.
 
Danzano i primi ballerini della compagnia: Nuria Salado Fustè, Carlos Montalvan, Alessandro De Ceglia, Alexander Yakovlev e gli altri validi danzatori del Balletto del Sud, una solida realtà, considerata una delle maggiori espressioni della danza italiana.
Le poesie di Giacomo Leopardi sono interpretate da Andrea Sirianni, apprezzato dalla critica e spesso voce recitante degli spettacoli del Balletto del Sud.
 
« Andrea Sirianni, specialista dell'interpretazione del testo in poesia, è un attore dall'eloquio raffinatissimo e dalla presenza scenica imponente. La sua interpretazione è davvero qualcosa di sorprendente, capace di proiettarci sicura nel mondo emotivo leopardiano » Valentina Nuzzaci (La Gazzetta del Mezzogiorno)
 
Lo spettacolo "Serata Somantica" ha avuto numerose repliche e recentemente nei circuiti della Sicilia e in Abruzzo.
 
 
Il 5 Maggio (ore 18,30) è in scena lo spettacolo in due parti su musiche di Igor Stravinskij con “L'Uccello di Fuoco” - in una speciale edizione ambientata nel film fantasy di John Milius - e “La Sagra della Primavera” - in cui Franzutti traspone geograficamente la vicenda nell'Italia più retriva e arcaica del meridione, dove gli echi del rapporto con la cultura ortodossa hanno lasciato solchi ancora percepibili.

La produzione è impreziosita dalle scene tratte dai dipinti del pittore salentino, visionario e irregolare, Ezechiele Leandro (1905-1981).

Danzano tutti i danzatori della compagnia e, nel complesso ruolo dell'eletta, debutta la giovane Federica Scolla, nel suo terzo anno ci collaborazione con il Balletto del Sud.
 
La stagione di danza, propone inoltre un'attività collaterale di incontri, meeting, conferenze e stage di formazione - ideata per coinvolgere e formare un pubblico sempre più ampio.
Il 5 maggio alle ore 17.00 il critico di danza Donatella Bertozzi tiene una conferenza con video-citazioni dal titolo: "Lo Scandalo della Primavera", La rivoluzione di un balletto da Nijinsky a Pina Bausch. L'incontro, con ingresso libero, avviene nella sala conferenze del Teatro Apollo di Lecce.
 
La Stagione di Danza del Balletto del Sud, che si è svolta dal 30 Novembre 2018 al 5 maggio 2019, è dedicata alla memoria del grande artista Lindsay Kemp, da poco scomparso, che ha collaborato con la compagnia Balletto del Sud dal 2005 al 2013 in due degli spettacoli proposti: La bella addormentata e L'Uccello di fuoco.
 
Per informazioni: www.ballettodelsud.it
Costo biglietti:
Poltronissima e Palchi I° Ordine: 20 euro (ridotto 15 euro):
Poltrona e Palchi II° Ordine: 15 euro (ridotto 10 euro):
Loggione: 8 euro

Per informazioni e prevendita:
Castello Carlo V, via XXV luglio  0832 24 65 17
Balletto del Sud via Biasco 10, Lecce 0832.453556
La prevendita di biglietti presso il Castello Carlo V (via XXV Luglio – tel. 0832.246517) tutti i giorni dalle ore 9,30 alle ore 19,30. I biglietti si possono acquistare online e nei punti ciaotickets.

Il botteghino del Teatro Apollo sarà aperto la sera di spettacolo a partire dalle 19.00. o 17.00
 
 
 
 
 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 26 di 192