Home arrow last news
Home
spettacoli
eventi
danze nelle opere
la compagnia
coreografo
la scuola
associazione
calendario
stories
last news
video
progetti
Dove siamo
audizione
trasparenza
area vendita

scegliete qui lo spettacolo
per il vostro teatro o festival
stagione 2018/2019 ↓


last news
la sagra della primavera - foggia PDF Stampa E-mail
Image 18 marzo 2014

Teatro del Fuoco di Foggia

Balletto del Sud 

Serata Stravinskij

coreografie di Fredy Franzutti

musiche di Igor Stravinskij

Il Balletto del Sud presenta, il 18 marzo al Teatro del Fuoco di Foggia, lo spettacolo in due parti dal titolo “Serata Stravinskij” che vede abbinati “L'uccello di Fuoco” e “La Sagra della Primavera”, due capolavori del genio di Igor Stravisnkij.
Le coreografie sono di Fredy Franzutti, coreografo italiano direttore della compagnia che ha sede a Lecce dal 1995.

Nella prima parte, “L'Uccello di Fuoco”, si narrano le avventure del principe Ivan che, grazie all'aiuto del magico uccello dalle piume di fuoco, salva la bella Tzarevna, una principessa prigioniera del terribile mago Katscheij. La fiaba è una delle più antiche della tradizione russa. In una speciale rivisitazione ispirata ai films di avventura fantasy, e precisamente ad un capolavoro degli anni 80: “Conan il Barbaro” di John Milius, Franzutti propone la figura del principe come eroe distruttore dal cuore di pietra.
Interpretano i ruoli principali: Chiara Mazzola (L'Uccello di Fuoco), Alessandro De Ceglia (il principe Ivan), Vittoria Pellegrino (la principessa Tzarevna), e l'attore Andrea Sirianni (il mago Katscheij). Le scene sono di Francesco Palma.

Nella seconda parte: “La Sagra della Primavera”, la nuova 32esima produzione che il coreografo Fredy Franzutti crea per la compagnia.
La coreografia ripercorre e rielabora il soggetto originale del balletto creato da Vaclav Nižinskij nel 1913 sulle note di Igor Stravinskij: un rito sacrificale pagano che si svolgeva all'inizio della primavera, durante il quale un'adolescente veniva scelta per ballare sino alla morte con lo scopo di propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione.

Franzutti traspone geograficamente la vicenda nell'Italia più retriva e arcaica del meridione, dove gli echi del rapporto con la cultura ortodossa hanno lasciato solchi ancora percepibili.

Sul naturale accostamento del soggetto originale al fenomeno del Tarantismo (manifestazione isterica convulsiva provocata dal morso di ragni), che vedeva la donna punta dalla tarantola danzare fino allo sfinimento per esorcizzare il male del veleno, si basa la drammaturgia del nuovo balletto che trova riferimenti e citazioni nella cultura popolare precipua del Salento.
La Sagra della Primavera è una coreografia corale che coinvolge tutta la compagnia. 
Nel ruolo dell'eletta danza Chiara Mazzola nuova interprete principale dei balletti di Franzutti.
Le scene sono tratte dai dipinti di Ezechiele Leandro pittore e scultore italiano vissuto nel Salento nel periodo della composizione.

La serata è proposta dagli amici della musica di Foggia.

Luogo: Teatro del Fuoco di Foggia
Contatti: 0881.312884
costo biglietti: intero € 20 - ridotto € 15
 
la bella a Barletta PDF Stampa E-mail
Image 8 Marzo 2014
Teatro Curci - Barletta

12 Aprile 2014
Teatro Comunale - Nardò
 
Il Balletto del Sud presenta, l'8 marzo 2014 al Teatro Curci di Barletta il balletto su musiche di Cajkovskij, La bella addormentata con le coreografie di Fredy Franzutti.
Nel balletto il coreografo presenta una personale versione della “ fiaba” di Perrault ambientata nell'Italia meridionale del '900. La Principessa Aurora è una fresca ragazza mediterranea a cui una vecchia maga predice un atroce destino. Sarà la magia della zingarella Lilla e il bacio d'amore di un principe-antropologo sulle orme della leggenda a destare la fanciulla dal suo sonno centenario.

La bella addormentata nella versione di Franzutti è uno spettacolo che, fin dalle sue prime repliche ha incontrato i favori del pubblico ed è stato ampiamente lodato dalla critica.

Vittoria Ottolenghi scrive: "Uno spettacolo con geniale essenzialità drammaturgica".

I ruoli principali sono di Vittoria Pellegrino (Aurora), Francesco Cafforio (Ernesto, l’antropologo), Andrea Sirianni (La Strega Carabosse), Chiara Mazzola (Jargavan, la fata dei lillà), Alessandro De Ceglia (Roberto, il padre di Aurora). Accanto a loro, i solisti ed il corpo di ballo del Balletto del Sud, una solida realtà internazionale che colleziona successi nelle numerose tournée italiane ed europee.

I biglietti sono già disponibili in prevendita presso il botteghino del Teatro in Corso  Vittorio Emanuele e  in tutti i punti vendita Booking Show .

Costi dei biglietti:  Platea / Palchi I – II – III Ord. Centrale € 10 ;Palchi I – II – III Ord. Laterale / Loggione € 5

Lo spettacolo replica il 12 aprile al Teatro Comunale di Nardò.

La compagnia prosegue nel mese di marzo e aprile la tournée degli spettacoli
Serata Stravinskij - 18 Marzo, Foggia e 23 marzo, Torino
Carmen - 22 Marzo Vigevano
Le Quattro Stagioni - 26, 27 Marzo Lecce e 3 Aprile Pisa
 
attività - marzo PDF Stampa E-mail

Image Prosegue nella primavera 2014 l'attività del Balletto del Sud, la compagnia diretta dal coreografo Fredy Franzutti, che sarà impegnata in marzo e in aprile nella tournée di diversi titoli del suo repertorio: da La bella addormentata su musiche di Cajkovskij in cui Franzutti sostituisce la puntura del consueto fuso con il morso della tarantola salentina, riportando quindi nella sua versione le disavventure della bella principessa Aurora nel sud dell'Italia;  a Le Quattro Stagioni, con Letizia Giuliani, in cui le  note rassicuranti e familiari di Vivaldi si alternano alle amelodie  ritmate di John Cage per presentare una riflessione sulle stagioni intese come fasi della vita dell'uomo; e poi Carmen, interpretata da Letizia Giuliani, su musiche di Bizet e altri autori francesi che guardano alla Spagna dalla raffinata Parigi, in cui si narrano le avventure della bella sigaraia di Siviglia;  fino alle produzioni su musiche di Igor Stravinskij, come La Sagra della primavera, in cui Franzutti accosta il soggetto originale al fenomeno del tarantismo, e L'uccello di Fuoco, in una speciale rivisitazione ispirata al film di avventura fantasy “Conan il Barbaro”,in cui il coreografo propone la figura del principe come eroe distruttore dal cuore di pietra. La compagnia realizzerà inoltre le danze dell'opera Orfeo e Euridice che vedranno come protagonista Carla Fracci.
Il Balletto del Sud porta gli spettacoli in tour nelle seguenti città:

La Bella Addormentata:
8 marzo, Barletta, Teatro Curci 
12 aprile, Nardò, Teatro Comunale
Serata Stravinskij:
18 marzo, Foggia, Teatro del Fuoco
23 marzo, Torino, Teatro NuovoCarmen:
22 marzo, Vigevano, Teatro Cagnoni
Le quattro stagioni:
26-27 marzo, Lecce, Cantieri Teatrali Koreja
4 aprile, Pisa, Teatro Verdi
Opera Orfeo e Euridice:
28-29-30 marzo, Lecce, Teatro Politeama Greco

 
conclusa tournèe Schiaccianoci 2014 PDF Stampa E-mail

Image Si è conclusa, il 6 gennaio 2014 all'auditorium Sant'Alfonso dei Liguori, la tournée dello spettacolo "Lo Schiaccianoci" con le coreografie di Fredy Franzutti su musiche di Piotr Il'Ic Caikovskij.
Protagonisti sono stati: Katerina Petrova - nel ruolo di Clara, Alessandro De Ceglia - il principe Schiaccianoci, Francesco Cafforio - lo zio Drosselmeyer e Chiara Mazzola - la regina delle nevi.
Lo spettacolo, che ha iniziato la tournée invernale il 24 novembre a Volterra, ha proseguito il suo giro toccando città come Cavallino (8 dicembre) Brindisi (28 dicembre), Salerno (3 gennaio - 2014), Gubbio (4-5 gennaio - 2014) e Pagani (6 gennaio - 2014). A dicembre ha debuttato inoltre “La Sagra della primavera” nella versione firmata da Fredy Franzutti. La coreografia ripercorre e rielabora il soggetto originale del balletto creato da Vaclav Nižinskij nel 1913 sulle note di Igor Stravinskij: un rito sacrificale pagano che si svolgeva all'inizio della primavera, durante il quale un'adolescente veniva scelta per ballare sino alla morte con lo scopo di propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione. Franzutti presenta una versione che ritiene trovi, agilmente e senza forzature, dei legami coerenti con la musica di Stravinskij, il quale si dice intendesse ricreare un mondo barbarico e primitivo: clima rituale pagano sfociante in una rissa demoniaca. Lo spettacolo debutta il 13 dicembre al Teatro Politeama Greco di Lecce (repliche il 14 e 15 dicembre), con le musiche eseguite dall'Orchestra Sinfonica Tito Schipa, ed è abbinato a “L'Uccello di Fuoco”, produzione del 2007 che sin dalle prime rappresentazioni ha raccolto la piena adesione di pubblico, ed è stato ampiamente lodato dalla critica. “La sagra della primavera” replica il 21 dicembre al Teatro Chiabrera di Savona.

 
La Sagra a Savona PDF Stampa E-mail
Image Il Balletto del Sud presenta
Oedipus Rex – Antigone - La Sagra della Primavera Savona, Teatro Chiabrera, sabato 21 dicembre ore 21.00 Dopo il grande successo ottenuto a Lecce, sarà il Teatro Chiabrera di Savona a ospitare La Sagra della Primavera,  la  nuova produzione della compagnia di danza salentina Balletto del Sud diretta dal maestro Fredy Franzutti. La compagnia presenta inoltre due estratti da Oedipus Rex e Antigone (prima parte). La coreografia de La Sagra della Primavera si ispira, rielaborandolo, al soggetto originale del balletto creato nel 1913 da Vaclav Nizinskij: un rito sacrificale pagano che si svolgeva all’inizio della primavera, durante il quale un’adolescente veniva scelta per ballare fino alla morte, con lo scopo di propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione. Nella versione di Franzutti il  soggetto originale viene accostato, in un modo che appare naturale, al fenomeno del tarantismo, un tempo diffuso nell’Italia meridionale, che vedeva la donna punta dalla tarantola danzare fino allo sfinimento per esorcizzare il male del veleno. Interpreta il ruolo de l’Eletta Chiara Mazzola. Con questa nuova produzione, Fredy Franzutti ha voluto continuare il progetto di  valorizzare la propria matrice culturale salentina, proponendo riletture di classici romantici (come ha fatto in precedenza ne La Bella Addormentata) con nuove ambientazioni. Ha sfruttato le potenzialità di questa cultura che, soprattutto nelle espressioni più colte e nella propria tradizione popolare, ha un grande rapporto con la danza e con il movimento. Le scene sono tratte dai dipinti di Ezechiele Leandro, pittore e scultore italiano vissuto nel Salento.

Gli estratti  Oedipus Rex e Antigone fanno riferimento alle tragedie “Edipo Re” di Sofocle e l' “Antigone” di Eschilo. Il mito è ambientato in un paese del mediterraneo già appartenuto alla magna Grecia. La situazione, i caratteri e il senso della vicenda rimangono invariati: lo scenario della campagna, - siciliana come salentina- , con i suoi echi classici rinnova la forza del dramma. La figura del padre, da sconfiggere per “affermare” la propria identità; il desiderio spesso di totale identificazione del figlio con la propria madre (il complesso di Edipo individuato da Freud nell’amare la propria madre fino a volerla possedere). Tra le altre passioni collegate grande importanza rivestono: l’essere misero oggetto di un imperscrutabile disegno del Fato spietato; il senso del peccato insostenibile (fino al suicidio); l’impersonalità della colpa; la superstizione.
Interpretano i ruoli principali: Alessandro De Ceglia (Edipo Re), Bilyana Dyakova (Giocasta) Katerina Petrova  ( Antigone), Francesco Cafforio (Emone).  Le scene sono di Francesco Palma.
Info e prevendita: Teatro Chiabrera, Piazza Diaz 2 Savona, Tel. 019 821490
e mail:  

 
la sagra della primavera - debutto PDF Stampa E-mail
Image É iniziata la prevendita dei biglietti per il dittico “L'uccello di Fuoco” e “La Sagra della Primavera” del Balletto del Sud con le coreografie di Fredy Franzutti su musiche di Igor Stravinskij eseguite dall'Orchestra Tito Schipa diretta da Pierre-André Valade, in scena al Teatro Politeama Greco di Lecce il13, 14 e 15 dicembre nel cartellone della stagione sinfonica ideato da Ivan Fedele.

Nella prima parte, “L'Uccello di Fuoco”, si narrano le avventure l'avventura del principe Ivan che, grazie all'aiuto del magico uccello dalle piume di fuoco, salva la bella Zavierna, una principessa prigioniera del terribile mago Katschei. La fiaba è una delle più antiche della tradizione russa. In una speciale rivisitazione ispirata ai films di avventura fantasy, e precisamente ad un capolavoro degli anni 80: “Conan il Barbaro” di John Milius, Franzutti propone la figura del principe come eroe distruttore dal cuore di pietra. Interpretano i ruoli principali: Katerina Petrova (L'Uccello di Fuoco), Alessandro De Ceglia (il principe Ivan), Vittoria Pellegrino (la principessa Tzavierna), e l'attore Andrea Sirianni (il mago Katschej). Le scene sono di Francesco Palma.

Nella seconda parte, il debutto della nuova produzione del Balletto del Sud: “La Sagra della Primavera”, la 32esima produzione che il coreografo Fredy Franzutti crea per la compagnia.
La coreografia ripercorre e rielabora il soggetto originale del balletto creato da Vaclav Nižinskij nel 1913 sulle note di Igor Stravinskij: un rito sacrificale pagano che si svolgeva all'inizio della primavera, durante il quale un'adolescente veniva scelta per ballare sino alla morte con lo scopo di propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione.
Franzutti traspone geograficamente la vicenda nell'Italia più retriva e arcaica del meridione, dove gli echi del rapporto con la cultura ortodossa hanno lasciato solchi ancora percepibili.
Sul naturale accostamento del soggetto originale al fenomeno del Tarantismo (manifestazione isterica convulsiva provocata dal morso di ragni), che vedeva la donna punta dalla tarantola danzare fino allo sfinimento per esorcizzare il male del veleno, si basa la drammaturgica del nuovo balletto che trova riferimenti e citazioni nella cultura popolare precipua del Salento.
La Sagra della Primavera è una coreografia corale che coinvolge tutta la compagnia, nel ruolo dell'eletta danza Chiara Mazzola nuova interprete principale dei balletti di Franzutti.
Le scene sono tratte dai dipinti di Ezechiele Leandro pittore e scultore italiano vissuto nel Salento.

I biglietti si possono acquistare presso il botteghino del Teatro Politeama Greco (tel.0832.241468) o presso l'ufficio informazioni del Castello Carlo V (tel. 0832.246517) al costo di € 20 + d.p. (ridotto € 15 + d.p.) per le poltronissime e i palchi del I ordine, € 15 + d.p. (ridotto € 10 + d.p.) per le poltrone e i palchi del II ordine.
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 105 - 130 di 170