Home arrow last news
last news
Franzutti all'Opera di Sofia PDF Stampa E-mail
 

 Fredy Franzutti con “Carmina Burana”
coreografo ospite al Teatro dell'Opera di Sofia


 click on the pictures
for download HD

Fredy Franzutti


Il cospo di ballo dell'Opera di Sofia
duante le prove

 

 click for word test


 

Il coreografo italiano Fredy Franzutti, direttore dal 1995 del Balletto del Sud è impegnato in questi giorni nell'allestimento della sua versione coreografica dei Carmina Burana di Carl Orff per la compagnia del Balletto Nazionale  del Teatro dell'Opera di Sofia, in Bulgaria.

   Franzutti era già stato ospite del teatro di Sofia nel 1997, in occasione della creazione di un breve balletto “On the Crossing” su musiche di René Aubry per dieci solisti del teatro.


   La prima di Carmina Burana è in programma venerdì 28 giugno – con repliche il 29 e 30 – sul palcoscenico del Parco dell' Accademia Militare "G.S. Rakovski" della Città di Sofia dove il Teatro dell'Opera svolge la sua stagione estiva.

   Una quarantina i ballerini impegnati nello spettacolo: tra questi anche le stelle dell'Opera di Sofia: l'eccellente Marta Petkova, più volte ospite apprezzata anche nei maggiori teatri lirici italiani, dal San Carlo di Napoli al Teatro Massimo di Palermo, nonché Katerina Petrova, Emil Jordanov, Tzezo Ivanov.
 
   Per la sua versione dei Carmina Burana Franzutti si ispira al soggetto originale del testo cantato, rappresentandovi il traumatico passaggio dall'adolescenza alla maturità: un gruppo di giovani Clerici Vagantes, constatato che il mondo non funziona secondo le regole morali che sono state loro impartite ma è piuttosto teatro di corruzioni, meschinità e  ipocrisie quotidiane, reagisce affermando sfrontatamente la necessità di un comportamento che ignori le regole della virtù e si tuffi, goliardicamente e sconsideratamente, a sperimentare la cinica libertà morale e una disincantata vita di piaceri.

   La coreografia di Franzutti, creata nel 2006 per il Balletto del Sud, a partire da questa stagione entra stabilmente a far parte del repertorio del Balletto Nazionale dell'Opera di Sofia. Ne sono dunque previste nuove repliche alla fine di luglio, in un diverso teatro all'aperto, altra residenza estiva del Teatro dell'Opera di Sofia.

   Nel prossimo mese di ottobre 2019 ai Carmina Burana di Franzutti è stata affidata l' inaugurazione della stagione invernale, con l'inserimento di coro, cantanti solisti e orchestra. Con tale organico lo spettacolo replicherà più volte fino a maggio 2020.

   Fredy Franzutti ha curato anche le scene e i costumi dello spettacolo. Costumi che il teatro dell'Opera di Sofia ha commissionato in Italia, alla stessa sartoria artigianale che provvede alla produzione dei costumi della compagnia Balletto del Sud.

   In oltre venticinque anni di carriera, in Italia e all'estero, il maestro Franzutti ha creato per il Balletto del Sud, compagnia da fondata a Lecce, sua città natale, oltre 40 fra titoli di repertorio e spettacoli.

    Ha creato inoltre balletti e curato le coreografie delle opere per diverse altre compagnie e teatri: per il Teatro dell’Opera di Roma, su invito di Carla Fracci e Beppe Menegatti, ha messo in scena sei diverse nuove creazioni o re-invenzioni di titoli del repertorio romantico e novecentesco. Ha inoltre collaborato con il Teatro Massimo Bellini di Catania, per le danze dell'opera Adriana Lecouvreur. All'estero, sia con coreografie originali che curando l'allestimento delle danze di varie opere, ha collaborato (per un triennio) con l’Opera di Montecarlo,  con  il Teatro dell’Opera di Bilbao, con l'Opera di Magdeburgo (Efigenia in Tauride) e con due produzioni (Carmen e Fedra) con l'Opera di Tirana. Al Teatro Bolscioi di Mosca è stato chiamato a curare la coreografia delle danze per l'opera La forza del destino.

   Sara Nora Kresteva, direttrice del Balletto Nazionale di Sofia ha commissionato a Franzutti, per la stagione 2021, la nuova versione coreografica di un titolo del repertorio classico, con il progetto di inserire stabilmente anche questa nuova creazione nel repertorio della compagnia. 
 
* * *

   Il repertorio della compagnia di balletto dell'Opera di Sofia – fondata nel 1928 e legata fin dalla fondazione alla grande tradizione russa – è fra i più ricchi di titoli di pregio e di prestigio: custodisce infatti la versione coreografica originale del Romeo e Giulietta di Leonid Lavroskij, firmata dal grande coreografo russo nel 1940 per il debutto del balletto di Prokofiev con la grande Galina Ulanova. Di Lavrovskij anche la loro versione di Giselle.  Due grandi classici come Il Lago dei Cigni e Schiaccianoci sono in repertorio nella versione di Yury Grigorovich. Non mancano titoli neoclassici: Who Cares? di George Balanchine, la Carmen Suite del cubano Alberto Alonso e In the Middle Somewhat Elevated dell'innovativo William Forsythe.
 
 
 
 
 
 
Conclude la stagione a Lecce PDF Stampa E-mail
 

CONCLUDE LA STAGIONE DI DANZA DEL BALLETTO DEL SUD
AL TEATRO APOLLO DI LECCE

con due spettacoli il 4 e 5 maggio

FOTO ALTA DEFINIZIONE
click sulla foto e attendere downoad

SERATA ROMANTICA


Andrea Sirianni


Alice Leoncini

 Ovidiu Chitano



 SERATA STRAVINSKIJ

 
Nuria Salado Fustè e Alessandro De Ceglia




Nuria Salado Fustè e Alexander Yakovlev ↑

Si conclude la stagione di danza del Balletto del Sud al Teatro Apollo di Lecce con due appuntamenti.
 
Il 4 Maggio (ore 21,00) ritorna al Teatro Apollo lo spettacolo “Serata Romantica”, Le più belle pagine del repertorio romantico  (Giselle, La Sylphide, La Bayadere, Les Sylphides) intervallate dai brani di Chopin e le rime di Giacomo Leopardi, ritenuto il maggior poeta dell'Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale.
 
Danzano i primi ballerini della compagnia: Nuria Salado Fustè, Carlos Montalvan, Alessandro De Ceglia, Alexander Yakovlev e gli altri validi danzatori del Balletto del Sud, una solida realtà, considerata una delle maggiori espressioni della danza italiana.
Le poesie di Giacomo Leopardi sono interpretate da Andrea Sirianni, apprezzato dalla critica e spesso voce recitante degli spettacoli del Balletto del Sud.
 
« Andrea Sirianni, specialista dell'interpretazione del testo in poesia, è un attore dall'eloquio raffinatissimo e dalla presenza scenica imponente. La sua interpretazione è davvero qualcosa di sorprendente, capace di proiettarci sicura nel mondo emotivo leopardiano » Valentina Nuzzaci (La Gazzetta del Mezzogiorno)
 
Lo spettacolo "Serata Somantica" ha avuto numerose repliche e recentemente nei circuiti della Sicilia e in Abruzzo.
 
 
Il 5 Maggio (ore 18,30) è in scena lo spettacolo in due parti su musiche di Igor Stravinskij con “L'Uccello di Fuoco” - in una speciale edizione ambientata nel film fantasy di John Milius - e “La Sagra della Primavera” - in cui Franzutti traspone geograficamente la vicenda nell'Italia più retriva e arcaica del meridione, dove gli echi del rapporto con la cultura ortodossa hanno lasciato solchi ancora percepibili.

La produzione è impreziosita dalle scene tratte dai dipinti del pittore salentino, visionario e irregolare, Ezechiele Leandro (1905-1981).

Danzano tutti i danzatori della compagnia e, nel complesso ruolo dell'eletta, debutta la giovane Federica Scolla, nel suo terzo anno ci collaborazione con il Balletto del Sud.
 
La stagione di danza, propone inoltre un'attività collaterale di incontri, meeting, conferenze e stage di formazione - ideata per coinvolgere e formare un pubblico sempre più ampio.
Il 5 maggio alle ore 17.00 il critico di danza Donatella Bertozzi tiene una conferenza con video-citazioni dal titolo: "Lo Scandalo della Primavera", La rivoluzione di un balletto da Nijinsky a Pina Bausch. L'incontro, con ingresso libero, avviene nella sala conferenze del Teatro Apollo di Lecce.
 
La Stagione di Danza del Balletto del Sud, che si è svolta dal 30 Novembre 2018 al 5 maggio 2019, è dedicata alla memoria del grande artista Lindsay Kemp, da poco scomparso, che ha collaborato con la compagnia Balletto del Sud dal 2005 al 2013 in due degli spettacoli proposti: La bella addormentata e L'Uccello di fuoco.
 
Per informazioni: www.ballettodelsud.it
Costo biglietti:
Poltronissima e Palchi I° Ordine: 20 euro (ridotto 15 euro):
Poltrona e Palchi II° Ordine: 15 euro (ridotto 10 euro):
Loggione: 8 euro

Per informazioni e prevendita:
Castello Carlo V, via XXV luglio  0832 24 65 17
Balletto del Sud via Biasco 10, Lecce 0832.453556
La prevendita di biglietti presso il Castello Carlo V (via XXV Luglio – tel. 0832.246517) tutti i giorni dalle ore 9,30 alle ore 19,30. I biglietti si possono acquistare online e nei punti ciaotickets.

Il botteghino del Teatro Apollo sarà aperto la sera di spettacolo a partire dalle 19.00. o 17.00
 
 
 
 
 
 
Le Ultime Parole di Cristo al Teatro Apollo PDF Stampa E-mail

 
 





M° Francesco Muolo

 


 

altre foto alta definizione

informazioni spettacolo


Comunicato:

IL BALLETTO DEL SUD PRESENTA, nella settimana di Pasqua

LE ULTIME PAROLE DI CRISTO

Sacra rappresentazione in forma d'arte del mistero della morte di Cristo


Al Teatro Apollo di Lecce - nella programmazione della stagione di Danza -, il 13 e 14 Aprile il Balletto del Sud presenta “Le Ultime parole di Cristo”, balletto in un atto sull'oratorio di Saverio Mercadante, coreografia e regia di Fredy Franzutti, con la partecipazione di Luciana Savignano.
Il coro e l'orchestra del Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce sono diretti da Francesco Muolo.
----
 

Lo spettacolo presenta il dramma della crocifissione di Cristo e trae ispirazione dall'insieme delle parole che Gesù pronunciò sulla croce.
Sono sette celebri frasi di valore simbolico e filosofico sulle quali sono stati costruiti alcuni fondamenti del cristianesimo e nelle quali è racchiuso il senso del perdono concesso al mondo dal Salvatore: espressioni di insegnamento che, secondo la tradizione dei quattro Vangeli, sono state pronunciate allo scopo di trovarne motivi futuri di meditazione e di preghiera.


La produzione di Fredy Franzutti – che già all'annuncio (nel 2018), e per diverse ragioni, ha sollevato un più che vivace interesse  sulla stampa e nel pubblico - vede nel ruolo di Maria madre di Cristo la stella della danza internazionale Luciana Savignano.
 
Gli altri ruoli principali sono interpretati da: Nuria Salado Fustè (Maria di Cleofa), Carlos Montalvan (il buon ladrone), Alexander Yakovlev (San Giovanni, apostolo), Beatrice Bartolomei (Santa Elisabetta), Alice Leoncini (Veronica, la pia donna), gli attori Andrea Sirianni (Giuda Iscariota) e Stefania Bove (Maria Vergine), il ruolo della Maddalena (creato da Franzutti per Loredana Lecciso) è danzato da Carolina Sangalli.

Accanto agli interpreti protagonisti c'è il corpo di ballo della compagnia: Triana Botaya Lopez, Chie Deshimaru, Ana Clara Iribarne, Letizia Rossetti, Federica Scolla, Fabiana Serrone, Alessandro De Ceglia, Ovidiu Chitanu, Paolo Ciofini, Lucio Mautone, Giuseppe Stancanelli, Valerio Torelli, Salvador Chocolatl, Lorenzo Lupi.


I testi interpretati dagli attori Andrea Sirianni e Stefania Bove sono della scrittrice Maria Concetta Cataldo e di Jacopone da Todi.

La voce, fuori campo, di Gesù Cristo è di Massimo Giordano.

 Le scene sono ideate e realizzate da Francesco Palma.

La struttura dello spettacolo segue quella tipica dell'Oratorio, forma musicale drammatica ma non rappresentativa, con l'intervento di un narratore ed eventuali personaggi e dialoghi.

Di rilievo è la presenza del Coro e dell'Orchestra del Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce diretti dal M° Francesco Muolo, le voci soliste solo di Chiara Centonze (Soprano), Rossana Volpe (Mezzo Soprano), Giampiero Ruffino (Tenore), Giorgio Schipa (Basso).

Protagonista è dunque Maria Addolorata che come in una veglia funebre accoglie parenti e amici per condividere il dolore. Cristo in agonia proferisce i suoi ultimi insegnamenti. Maria di Cleofa e Santa Elisabetta sorreggono Maria madre, giungono Giovanni, il prediletto, e il buon ladrone immaginato come personaggio redento (e non sulla croce), Veronica, la pia donna che ha asciugato il viso di Cristo con il lino.

Giuda Iscariota racconta a Maria il motivo del tradimento con i dilanianti sensi di colpa che lo porteranno al suicidio.
Gli altri apostoli e i fedeli piangono Gesù. Si avvicina anche Maria Maddalena, ha incontrato Gesù che le ha salvato la vita, pentita dei suoi peccati vuole avvicinarsi alla Croce, gli altri fedeli la ritengono indegna e la scacciano.
Sarà la clemenza di Maria a perdonare i peccati, a benedire Maddalena e renderla partecipe del dolore per la morte del figlio dei Dio.

La Stagione di danza del Balletto del Sud al Teatro APOLLO di Lecce dal 30 novembre 2018 al 5 maggio 2019.

Per informazioni: www.ballettodelsud.it
Costo biglietti:
Poltronissima e Palchi I° Ordine: 20 euro (ridotto 15 euro):
Poltrona e Palchi II° Ordine: 15 euro (ridotto 10 euro):
Loggione: 8 euro

Per informazioni e prevendita:
Castello Carlo V, via XXV luglio  0832 24 65 17
Balletto del Sud via Biasco 10, Lecce 0832.453556

La prevendita di biglietti presso il Castello Carlo V (via XXV Luglio – tel. 0832.246517) tutti i giorni dalle ore 9,30 alle ore 19,30. I biglietti si possono acquistare online e nei punti ciaotickets.
Il botteghino del Teatro Apollo sarà aperto la sera di spettacolo a partire dalle 19.00.

Acquisto on Line

 
 
 
 
 
 
Le Ultime Parole di Cristo a Lecce PDF Stampa E-mail

 
 





M° Francesco Muolo

 


 

altre foto alta definizione

informazioni spettacolo


Comunicato:

IL BALLETTO DEL SUD PRESENTA, nella settimana di Pasqua

LE ULTIME PAROLE DI CRISTO

Sacra rappresentazione in forma d'arte del mistero della morte di Cristo


Al Teatro Apollo di Lecce - nella programmazione della stagione di Danza -, il 13 e 14 Aprile il Balletto del Sud presenta “Le Ultime parole di Cristo”, balletto in un atto sull'oratorio di Saverio Mercadante, coreografia e regia di Fredy Franzutti, con la partecipazione di Luciana Savignano.
Il coro e l'orchestra del Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce sono diretti da Francesco Muolo.
----
 

Lo spettacolo presenta il dramma della crocifissione di Cristo e trae ispirazione dall'insieme delle parole che Gesù pronunciò sulla croce.
Sono sette celebri frasi di valore simbolico e filosofico sulle quali sono stati costruiti alcuni fondamenti del cristianesimo e nelle quali è racchiuso il senso del perdono concesso al mondo dal Salvatore: espressioni di insegnamento che, secondo la tradizione dei quattro Vangeli, sono state pronunciate allo scopo di trovarne motivi futuri di meditazione e di preghiera.


La produzione di Fredy Franzutti – che già all'annuncio (nel 2018), e per diverse ragioni, ha sollevato un più che vivace interesse  sulla stampa e nel pubblico - vede nel ruolo di Maria madre di Cristo la stella della danza internazionale Luciana Savignano.
 
Gli altri ruoli principali sono interpretati da: Nuria Salado Fustè (Maria di Cleofa), Carlos Montalvan (il buon ladrone), Alexander Yakovlev (San Giovanni, apostolo), Beatrice Bartolomei (Santa Elisabetta), Alice Leoncini (Veronica, la pia donna), gli attori Andrea Sirianni (Giuda Iscariota) e Stefania Bove (Maria Vergine), il ruolo della Maddalena (creato da Franzutti per Loredana Lecciso) è danzato da Carolina Sangalli.

Accanto agli interpreti protagonisti c'è il corpo di ballo della compagnia: Triana Botaya Lopez, Chie Deshimaru, Ana Clara Iribarne, Letizia Rossetti, Federica Scolla, Fabiana Serrone, Alessandro De Ceglia, Ovidiu Chitanu, Paolo Ciofini, Lucio Mautone, Giuseppe Stancanelli, Valerio Torelli, Salvador Chocolatl, Lorenzo Lupi.


I testi interpretati dagli attori Andrea Sirianni e Stefania Bove sono della scrittrice Maria Concetta Cataldo e di Jacopone da Todi.

La voce, fuori campo, di Gesù Cristo è di Massimo Giordano.

 Le scene sono ideate e realizzate da Francesco Palma.

La struttura dello spettacolo segue quella tipica dell'Oratorio, forma musicale drammatica ma non rappresentativa, con l'intervento di un narratore ed eventuali personaggi e dialoghi.

Di rilievo è la presenza del Coro e dell'Orchestra del Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce diretti dal M° Francesco Muolo, le voci soliste solo di Chiara Centonze (Soprano), Rossana Volpe (Mezzo Soprano), Giampiero Ruffino (Tenore), Giorgio Schipa (Basso).

Protagonista è dunque Maria Addolorata che come in una veglia funebre accoglie parenti e amici per condividere il dolore. Cristo in agonia proferisce i suoi ultimi insegnamenti. Maria di Cleofa e Santa Elisabetta sorreggono Maria madre, giungono Giovanni, il prediletto, e il buon ladrone immaginato come personaggio redento (e non sulla croce), Veronica, la pia donna che ha asciugato il viso di Cristo con il lino.

Giuda Iscariota racconta a Maria il motivo del tradimento con i dilanianti sensi di colpa che lo porteranno al suicidio.
Gli altri apostoli e i fedeli piangono Gesù. Si avvicina anche Maria Maddalena, ha incontrato Gesù che le ha salvato la vita, pentita dei suoi peccati vuole avvicinarsi alla Croce, gli altri fedeli la ritengono indegna e la scacciano.
Sarà la clemenza di Maria a perdonare i peccati, a benedire Maddalena e renderla partecipe del dolore per la morte del figlio dei Dio.

La Stagione di danza del Balletto del Sud al Teatro APOLLO di Lecce dal 30 novembre 2018 al 5 maggio 2019.

Per informazioni: www.ballettodelsud.it
Costo biglietti:
Poltronissima e Palchi I° Ordine: 20 euro (ridotto 15 euro):
Poltrona e Palchi II° Ordine: 15 euro (ridotto 10 euro):
Loggione: 8 euro

Per informazioni e prevendita:
Castello Carlo V, via XXV luglio  0832 24 65 17
Balletto del Sud via Biasco 10, Lecce 0832.453556

La prevendita di biglietti presso il Castello Carlo V (via XXV Luglio – tel. 0832.246517) tutti i giorni dalle ore 9,30 alle ore 19,30. I biglietti si possono acquistare online e nei punti ciaotickets.
Il botteghino del Teatro Apollo sarà aperto la sera di spettacolo a partire dalle 19.00.

Acquisto on Line

 
 
 
 
 
 
stagione di danza 2019 a Lecce PDF Stampa E-mail

 

CONTINUA LA STAGIONE DI DANZA DEL BALLETTO DEL SUD
AL TEATRO APOLLO DI LECCE

dal 13 Aprile al 5 maggio 2019

FOTO ALTA DEFINIZIONE
click sulla foto e attendere downoad



 LE ULTIME PAROLE DI CRISTO


 Luciana Savignano


 SERATA STRAVINSKIJ


SERATA ROMANTICA


Andrea Sirianni


Alice Leoncini

 Ovidiu Chitano

 

Continua con successo la stagione di danza, che propone inoltre un'attività collaterale di incontri, meeting, conferenze e stage di formazione - ideata per coinvolgere e formare un pubblico sempre più ampio - e dedicata alla memoria del grande artista Lindsay Kemp, da poco scomparso, che ha collaborato con la compagnia Balletto del Sud dal 2005 al 2013 in due degli spettacoli proposti: La bella addormentata e L'Uccello di fuoco.

Diversi appuntamenti prevedono la partecipazione di artisti ospiti: attori, musicisti, ballerini - provenienti anche da altre realtà prestigiose, scenografi e pittori per creare una sinergia di arti e pensieri che portano la danza a dialogare con le altre forme della comunicazione.

- Il programma continua Il 13 e 14 Aprile il Balletto del Sud presenta: “Le Ultime Parole di Cristo” balletto in un atto sull'oratorio sacro di Saverio Mercadante con l'inserimento dei testi di Jacopone da Todi e di Maria Concetta Cataldo. Lo spettacolo, che al suo debutto ha sollevato un appassionato interesse, vede nel ruolo di Maria, madre di Cristo, la stella della danza internazionale Luciana Savignano.
La produzione è realizzata in collaborazione con il Conservatorio Tito Schipa di Lecce che esegue la parte musicale con coro e orchestra diretta da Francesco Muolo.

- Il 3 e 5 Maggio è in scena lo spettacolo in due parti su musiche di Igor Stravinskij con “L'Uccello di Fuoco” - in una speciale edizione ambientata nel film fantasy di John Milius - e “La Sagra della Primavera” - in cui Franzutti traspone geograficamente la vicenda nell'Italia più retriva e arcaica del meridione, dove gli echi del rapporto con la cultura ortodossa hanno lasciato solchi ancora percepibili . La produzione è impreziosita dalle scene tratte dai dipinti del pittore Ezechiele Leandro.


- Il 4 Maggio ritorna al Teatro Apollo lo spettacolo “Serata Romantica”, Le più belle pagine del repertorio ballettistico romantico  (Giselle, La Sylphide, La Bayadere, Les Sylphides) intervallate dai brani di Chopin e le rime del poeta di Recanati ritenuto il maggior poeta dell'Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale.
Lo spettacolo, interpretato dall'attore Andrea Sirianni attore dotato di eloquio elegante e dizione corretta che, anche per le sue esperienze sui testi di Gabriele D’Annunzio e W.H. Auden, si può considerare uno specialista dell’interpretazione del testo in poesia.
 
 
Protagonisti degli spettacoli sono: Nuria Salado Fustè, Carlos Montalvan, Alessandro De Ceglia, Alexander Yakovlev. Accanto a loro tutti gli altri validi danzatori del Balletto del Sud, una solida realtà, considerata una delle maggiori espressioni della danza italiana.
 
La Stagione di danza del Balletto del Sud al Teatro APOLLO di Lecce dal 30 novembre 2018 al 5 maggio 2019.
 
Per informazioni: www.ballettodelsud.it    
 
Costo biglietti:€ 20,00 (ridotto € 15,00): Poltronissima e Palchi I° Ordine; € 15,00 (ridotto €10,00): Poltrona e Palchi II° Ordine; € 8,00 Loggione.
Per informazioni e prevendita:Balletto del Sud via Biasco 10, Lecce 0832.453556

 




 
 
 
 
 
Il Carnevale degli Animali in Abruzzo PDF Stampa E-mail

IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI

coreografie di Fredy Franzutti
musiche di Camille Saint-Seans

 

 

 

FOTO ALTA DEFINIZIONE
click sull'immagine per download
 
Nuria Salado Fustè, Il Cigno

 COMUNICATO:

Il Balletto del Sud presenta, in tour per l'Abruzzo, dal 4 al 13 marzo "Il Carnevale degli Aminali", balletto in atto, suddiviso in 14 quadri, con le coreografie di Fredy Franzutti su musiche di Camille Saint-Saëns.
La nuova produzione - 39esima - è realizzata in collaborazione con il "Conservatorio Tito Schipa" di Lecce.

"Il Carnevale degli Animali" è stato scritto quasi come uno scherzo musicale tanto che, per la facilità dei temi e dei contenuti, lo stesso Saint-Saëns temeva che essa avrebbe potuto nuocere al suo buon nome. La partitura fu infatti pubblicata un anno dopo la morte dell’ignaro compositore. Sono 14 brani, piccoli frammenti da 1 a 3 minuti, dedicati ad animali e a creature teatrali (i pianisti, i critici).


Tra questi, il numero 13 - l’unico di cui Saint-Saëns andava fiero - è il celebre “Cigno” che il coreografo Micael Fokine nel 1901 ha utilizzato per creare, per Anna Pavlova, il più celebre assolo della storia “la morte del cigno” - che la produzione lascia nella coreografia originale - danzato da Nuria Salado Fusté - quando recentemente Nuria Salado ha eseguito “la morte del Cigno” al cospetto di Carla Fracci, lei è scattata in piedi applaudendo complimentandosi con la ballerina.


Per le altre parti Franzutti crea altri assoli e passi a due nel teantativo di ricostruire un'epoca con lo stesso tipo di gusto. Lo spettacolo impiega tutta la compagnia, 18 elementi, e 9 allievi della nostra scuola del Balletto del Sud. Costumi e idee completano la parata. 


Danzano i ruoli solistici: Nuria Salado Fustè - il cigno -, Carlos Montalvan e Chie Descimaru - Gli elefanti -, Alessandro De Ceglia - il Leone -, Alexander Yakovlev - il Canguro.



 Personaggi ed interpreti:

Introduzione e Marcia del leone
il Re della foresta: Alessandro De Ceglia
Gallina Cocodè e pulcini- la vita dell'aia: Beatrice Bartolomei e Irene Mazzei,  Michela Luca, Giacomo Russi, Kevin Panico
Emione, giovane irruente: Ovidiu Chitanu
Tartarughe, una lenta avanzata: Alessandra Buffelli, Sarah Giurgola, Naomi Margheriti, Luana Panico
Gli elefanti, i principi Indiani: Chie Deshimaru, Carlos Montalvan
Canguro, esercizio di salti: Alexander Yakovlev
Acquario, il mistero degli abissi: Carolina Sangalli
Personaggi dalle orecchie lunghe: Federica Scolla, Giuseppe Stancanelli
Il cucù nel bosco: Alice Leoncini, Paolo Ciofini
la Voliera: Triana Botaya Lopez, Ana Clara Iribarne, Valerio Torelli
Pianisti, il maestro e l’allievo: Letizia Rossetti, Mauro Totaro
Fossili, el dia de los muertos: Fabiana Serrone, Salvador Chocolatl
Il cigno: Nuria Saaldo Fustè

 


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Pross. > Fine >>

Risultati 27 - 52 di 214