Home arrow last news
Home
spettacoli
eventi
danze nelle opere
la compagnia
coreografo
la scuola
associazione
calendario
stories
last news
video
progetti
Dove siamo
audizione
trasparenza
area vendita

scegliete qui lo spettacolo
per il vostro teatro o festival
stagione 2019/2020 ↓


last news
Serata Romantica in Campania PDF Stampa E-mail




↑ FOTO ALTA DEFINIZIONE  click per download

 COMUNICATO

Serata Romantica,
l'omaggio del Balletto del Sud a Giacomo Leopardi 
nel circuito della Campania




 



 SERATA ROMANTICA
 
Alice Leoncini

 Ovidiu Chitano
 
 
 
 
 

 

Il Balletto del Sud presenta, il 18 dicembre a Teano - Auditorium Tommasiello (CE) - e il 19 dicembre ad Acerra (Na): "Serata Romantica", spettacolo con le musiche di Chopin, Adam, Schneitzhöffer, Brahms, Saint-Saens e le poesie di Giacomo Leopardi.

Protagonisti sono i solisti del Balletto del Sud, «l'unica compagnia italiana in grado di affrontare un tale repertorio» (Ermanno Romanelli), e Andrea Sirianni, attore dotato di eloquio elegante e per le sue esperienze sui testi di Gabriele D’Annunzio e W.H. Auden, si può considerare uno specialista dell’interpretazione del testo in poesia.


Molte sono le qualità che accostano la poetica di Leopardi alle melodie di Chopin e la musica romantica, caratterizzate dal pessimismo degli autori: probabile effetto delle patologie che spesso li affliggevano e sviluppatesi successivamente in un sistema complesso poetico e filosofico. Durante la serata i brani più celebri del balletto per antonomasia e del più famoso poeta italiano dell’Ottocento rievocheranno le sempiterne suggestioni del Romanticismo, di cui furono tra i massimi rappresentanti.
Il programma, è concepito e diretto da Fredy Franzutti, che cura anche alcune coreografie.
Danzano le celebri pagine del repertorio romantico: Nuria Salado, Yakovlev Alexander, Alice Leoncini, Alessandro De Ceglia, Valerio Torelli, Triana Botaya, Letizia Rossetti, Paolo Ciofini, Ovidiu Chitanu, Beatrice Bartolomei, Chie Deshimaru.

 
concluse repliche bella al Teatro Apollo PDF Stampa E-mail


 Inizia con successo la stagione di danza del Balletto del Sud
al Teatro Apollo di Lecce 
con le repliche di “Bella Addormentata”

FOTO ALTA DEFINIZIONE
click sulla foto e attendere downoad


LA BELLA ADDORMENTATA

 

 



 

Il Balletto del Sud ha iniziato la seconda edizione della “Stagione di Danza 2018-2019“, che si realizza al Teatro Apollo di Lecce dal 30 novembre 2018 al 5 maggio 2019. Sei produzioni, con repliche e matinée per le scuole, per un totale di 24 spettacoli con le coreografie di Fredy Franzutti.

La stagione di danza, che propone inoltre un'attività collaterale di incontri, meeting, conferenze e stage di formazione - ideata per coinvolgere e formare un pubblico sempre più ampio - è dedicata alla memoria del grande artista Lindsay Kemp, da poco scomparso, che ha collaborato con la compagnia Balletto del Sud dal 2005 al 2013 in due degli spettacoli proposti: La bella addormentata e L'Uccello di fuoco.

Il programma ha avuto inizio con le 6 repliche (quasi tutte sold-out) de “La Bella Addormentata”, in scena dal 30 novembre al 2 dicembre. Uno dei titoli di maggior successo della compagnia ha replicato in importanti festival e teatri sia in Italia che all’estero per un totale che supera le 120 repliche.
 
lo spettacolo ha raccolto anche a Lecce entusiastici consensi principalmente per la propria ambientazione originale e sorprendente, il Meridione d'Italia, con la ormai nota sostituzione della puntura del fuso con il morso della tarantola salentina.
 
Ha eseguito la celebre partitura di Pietr Il'ic Caikovskij, l'Orchestra Sinfonica "OLES di Lecce e del Salento" diretta da Eliseo Castrignanò.

Con le coreografie di Fredy Franzutti e le scene di Francesco Palma, hanno danzato nei ruoli principali: Nuria Salado Fustè (la principessa Aurora), Tsetso Ivanov (Ernesto, il principe), Carolina Sangalli (la fata dei Lillà), Alessandro De Ceglia e Carlos Montalvan (si alternano nel ruolo del padre di Aurora), Beatrice Bartolomei (Silvia, la madre di Aurora). Andrea Sirianni ha interpretato il ruolo della strega Carabosse, creato nel 2005 per Lindsay Kemp, artista da poco scomparso alla cui memoria lo spettacolo è, come detto, dedicato.
 
Le sei repliche, tre delle quali destinate alle scolaresche in apposite matinée del progetto "La Scuola a Teatro", hanno registrato numerose presenze e in alcune il totale sold-out (4 spettacoli su sei).
 
La stagione di danza continua con il secondo appuntamento “Le Maschere”, in scena il 22, 23 e 24 febbraio. 
 
Mentre la tournée di Bella addormentata continuerà fino all'estate 2018.

15 novembre Foggia Teatro Giordano    


29 / 30 novembre Lecce Teatro Apollo
   

1/2 dicembre Lecce Teatro Apollo   


6/7 dicembre Jesolo Teatro Antonio Vivaldi
   

12 dicembre Teramo Teatro Comunale   


14 dicembre Sulmona Teatro Maria Caniglia



21 dicembre Como Teatro Sociale
   

23 dicembre Bari Teatro Team
   

29/30/31 dicembre Milano Teatro Carcano
   

1 gennaio 2019 Milano Teatro Carcano


6 gennaio Avellino  Teatro Gesualdo
   

26 gennaio 2019 Firenze Teatro Verdi
   

21 marzo 2019 Teatro Duse Bologna

 
 
 
 
 
Stagione di danza 2018-2019 PDF Stampa E-mail
 

 LA NUOVA STAGIONE DI DANZA DEL BALLETTO DEL SUD
AL TEATRO APOLLO DI LECCE

dal 30 novembre 2018 al 5 maggio 2019

 spettacoli anche in abbonamento

FOTO ALTA DEFINIZIONE
click sulla foto e attendere downoad


LA BELLA ADDORMENTATA

 

 

 


 Le Maschere

 


 

PROGETTO LEONARDO DA VINCI



 LE ULTIME PAROLE DI CRISTO



 SERATA STRAVINSKIJ


CHE IERI MI ILLUDE


 

 

 

 
Il Balletto del Sud presenta la seconda edizione della “Stagione di Danza 2018-2019“, che si realizza al Teatro Apollo di Lecce dal 30 novembre 2018 al 5 maggio 2019. Sei produzioni, con repliche e matinée per le scuole, per un totale di 24 spettacoli con le coreografie di Fredy Franzutti.

La stagione di danza, che propone inoltre un'attività collaterale di incontri, meeting, conferenze e stage di formazione - ideata per coinvolgere e formare un pubblico sempre più ampio - è dedicata alla memoria del grande artista Lindsay Kemp, da poco scomparso, che ha collaborato con la compagnia Balletto del Sud dal 2005 al 2013 in due degli spettacoli proposti: La bella addormentata e L'Uccello di fuoco.

Diversi appuntamenti prevedono la partecipazione di artisti ospiti: attori, musicisti, ballerini - provenienti anche da altre realtà prestigiose -, scenografi e pittori per creare una sinergia di arti e pensieri che portano la danza a dialogare con le altre forme della comunicazione.

- Il programma ha inizio con “La Bella Addormentata”, in scena dal 30 novembre al 2 dicembre.
Uno dei titoli di maggior successo del repertorio della compagnia ha replicato in importanti festival e teatri sia in Italia che all’estero per un totale che supera le 120 repliche.
lo spettacolo ha raccolto ovunque entusiastici consensi di pubblico e critica principalmente per la propria ambientazione originale e sorprendente, il Meridione d'Italia, con la sostituzione della puntura del fuso con il morso della tarantola salentina.

Esegue la celebre partitura di Pietr Il'ic Caikovskij, l'Orchestra Sinfonica "OLES di Lecce e del Salento" diretta da Eliseo Castrignanò.

Con le coreografie di Fredy Franzutti e le scene di Francesco Palma, danzano nei ruoli principali: Nuria Salado Fustè (la principessa Aurora), Tsetso Ivanov (Ernesto, il principe), Carolina Sangalli (la fata dei Lillà), Alessandro De Ceglia e Carlos Montalvan (si alternano nel ruolo del padre di Aurora), Beatrice Bartolomei (Silvia, la madre di Aurora). Andrea Sirianni interpreta il ruolo della strega Carabosse, creato nel 2005 per Lindsay Kemp, artista da poco scomparso alla cui memoria lo spettacolo è, come detto, dedicato.
 
 
- Il secondo appuntamento “Le Maschere” è in scena il 23 e 24 febbraio. Nel periodo di carnevale il Balletto del Sud presenta un programma dedicato alle coreografie del repertorio classico dedicate ai personaggi della commedia dell'arte e alle maschere.
Dal celebre “Carnaval” con le coreografie di Micael Fokine, sul tema della suggestiva musica di Schumann, ai passi a due brillanti di “Harlequinade” e “Carnevale di Venezia”, con le coreografie di Marius Petipa su musiche rispettivamente di Riccardo Drigo e Cesare Pugni, al terzetto da “Fairy Doll” con le coreografie di Josef Hassreiter su musiche di Josef Bayer.Conclude il programma la nuova coreografia di Fredy Franzutti, “Masquerade” un brano corale su musiche del georgiano Aram khachaturian.
 
- Il 16 e 17 marzo è in scena “Progetto: Leonardo Da Vinci”, performance di teatro danza e musica dedicata all'uomo d'ingegno e talento universale del Rinascimento che incarnò in pieno lo spirito della sua epoca, esprimendo eccellentemente le maggiori forme di espressione della scienza, dell'arte e della conoscenza. Lo spettacolo, una produzione del 1998, proposta in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, prevede la partecipazione dell'attore Ugo Pagliai.

- Il 13 e 14 Aprile il Balletto del Sud presenta: “Le Ultime Parole di Cristo” balletto in un atto sull'oratorio sacro di Saverio Mercadante con l'inserimento dei testi di Jacopone da Todi e di Maria Concetta Cataldo. Lo spettacolo, che al suo debutto a sollevato un appassionato interesse, vede nel ruolo di Maria, madre i Cristo, la stella della danza internazionale Luciana Savignano e in quello di Maria Maddalena il popolare personaggio televisivo Loredana Lecciso.
La produzione è realizzata in collaborazione con il Conservatorio Tito Schipa di Lecce che esegue la parte musicale con coro e orchestra.

- Il 2 e 4 Maggio è in scena “Serata Stravinskji”, spettacolo in due parti con “L'Uccello di Fuoco” - in una speciale edizione ambientata nel film fantasy di john Milius - e “La Sagra della Primavera” - dove Franzutti traspone geograficamente la vicenda nell'Italia più retriva e arcaica del meridione, dove gli echi del rapporto con la cultura ortodossa hanno lasciato solchi ancora percepibili -.
La produzione è impreziosita dalle scene tratte dai dipinti del pittore Ezechiele Leandro.


- Il 3 e 5 Maggio conclude la stagione di Danza al Teatro Apollo lo spettacolo “Che Ieri M'illuse”, recital di teatro, danza e musica, ideato in omaggio al Vate di Pescara, Gabriele D'Annunzio, che venne anche in residenza nel Salento visitando Gallipoli, perla dello Ionio. Lo spettacolo, interpretato dall'attore Andrea Sirianni, presenta alcune pagine tratte dalle "Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi" e brani dal romanzo "Il Fuoco", dedicato all'attrice Eleonora Duse. Le coreografie animano le poesie e legano le immagini evocate delle note dei brani eseguiti dal vivo.
 
 
Protagonisti degli spettacoli sono: Nuria Salado Fustè, Carlos Montalvan, Alessandro De Ceglia, Alexander Yakovlev, con primi ballerini ospiti come Tsetso Ivanov (primo ballerino dell'Opera di Sofia ed Emanuele Cazzato, salentiono oggi al teatro alla Scala di Milano). Accanto a loro tutti gli altri validi danzatori del Balletto del Sud, una solida realtà, considerata una delle maggiori espressioni della danza italiana.
 
La Stagione di danza del Balletto del Sud al Teatro APOLLO di Lecce dal 30 novembre 2018 al  febbraio al 5 maggio 2019.
 
Per informazioni: www.ballettodelsud.itCosto biglietti:€ 20,00 (ridotto € 15,00): Poltronissima e Palchi I° Ordine€ 15,00 (ridotto €10,00): Poltrona e Palchi II° Ordine€ 8,00 LoggionePer informazioni e prevendita:Balletto del Sud via Biasco 10, Lecce 0832.453556
 
Abbonamenti:
Poltronissima Intero € 84,00
Poltronissima Ridotto € 63,00
Poltrona Intero € 63,00
Poltrona Ridotto € 42,00
Palco Intero € 63,00
Palco Ridotto € 42,00
 
Il programma prevede diversi argomenti trasversali che legano i diversi titoli proposti, come la matrice popolare salentina (con l'inserimento del fenomeno del tarantismo nei titoli “La Bella Addormentata” e “La Sagra della Primavera”), la coerenza stilistica che parte dal balletto adatto ad un pubblico familiare e che si articola via via in programmi di ricerca più complessi.

 



Comunicato breve per spot

Il Balletto del Sud presenta la seconda edizione della “Stagione di Danza 2018-2019“, che si realizza al Teatro Apollo di Lecce dal 30 novembre 2018 al 5 maggio 2019. Sei produzioni, con repliche e matinée per le scuole, per un totale di 24 spettacoli con le coreografie di Fredy Franzutti.
 
- Il programma ha inizio con “La Bella Addormentata”, in scena dal 30 novembre al 2 dicembre. Uno dei titoli di maggior successo del repertorio della compagnia ha replicato in importanti festival e teatri sia in Italia che all’estero per un totale che supera le 120 repliche. lo spettacolo ha raccolto ovunque entusiastici consensi di pubblico e critica principalmente per la propria ambientazione originale e sorprendente, il Meridione d'Italia, con la sostituzione della puntura del fuso con il morso della tarantola salentina.

Esegue la celebre partitura di Pietr Il'ic Caikovskij, l'Orchestra Sinfonica "OLES di Lecce e del Salento" diretta da Eliseo Castrignanò.
 
“Le Maschere” è in scena il 23 e 24 febbraio. Nel periodo del carnevale un programma dedicato alle coreografie del repertorio classico dedicate ai personaggi della commedia dell'arte e alle maschere. Dal celebre “Carnaval” Fokine, su musica di Schumann ai brillanti “Harlequinade", "Carnevale di Venezia”, “Fairy Doll”. Conclude il programma la nuova coreografia di Fredy Franzutti, “Masquerade” un brano corale su musiche di Aram khachaturian.
 
Il 16 e 17 marzo è in scena “Progetto: Leonardo Da Vinci”, performance di teatro, danza e musica con la partecipazione di Ugo Pagliai. In occasione dei 500 anni dalla morte dell'uomo d'ingegno e talento universale del Rinascimento che incarnò in pieno lo spirito della sua epoca, esprimendo eccellentemente le maggiori forme di espressione della scienza, dell'arte e della conoscenza.
 
Il 13 e 14 Aprile: “Le Ultime Parole di Cristo” balletto in un atto sull'oratorio sacro di Saverio Mercadante con l'inserimento dei testi di Jacopone da Todi e di Maria Concetta Cataldo. Lo spettacolo, che al suo debutto a sollevato un appassionato interesse, vede nel ruolo di Maria, madre i Cristo, la stella della danza internazionale Luciana Savignano e in quello di Maria Maddalena il popolare personaggio televisivo Loredana Lecciso. La produzione è realizzata in collaborazione con il Conservatorio Tito Schipa di Lecce che esegue la parte musicale con coro e orchestra.

- Il 2 e 4 Maggio è in scena “Serata Stravinskji”, spettacolo in due parti con “L'Uccello di Fuoco” - in una speciale edizione ambientata nel film fantasy di john Milius - e “La Sagra della Primavera” - dove Franzutti traspone geograficamente la vicenda nell'Italia più retriva e arcaica del meridione, dove gli echi del rapporto con la cultura ortodossa hanno lasciato solchi ancora percepibili. La produzione è impreziosita dalle scene tratte dai dipinti del pittore Ezechiele Leandro.

- Il 3 e 5 Maggio conclude la stagione di Danza al Teatro Apollo lo spettacolo “Che Ieri M'illuse”, recital di teatro, danza e musica, ideato in omaggio a Gabriele D'Annunzio, che venne anche in residenza nel Salento visitando Gallipoli, perla dello Ionio. Lo spettacolo, interpretato dall'attore Andrea Sirianni, presenta alcune pagine tratte dalle "Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi" e brani dal romanzo "Il Fuoco", dedicato all'attrice Eleonora Duse. Le coreografie animano le poesie e legano le immagini evocate delle note dei brani eseguiti dal vivo.
 
 
La Stagione di danza del Balletto del Sud al Teatro APOLLO di Lecce dal 30 novembre 2018 al  febbraio al 5 maggio 2019.

 
 
 
 
 
Festival di Trujillo PDF Stampa E-mail

 

COMUNICATO

IL BALLETTO DEL SUD in PERU'

La compagnia Balletto del Sud ospite del
XVesimo Festival Internazionale di Balletto di Trujillo/Perù

 Nuria Salado Fustè e Alexander Yakovlev danzano "La Sylphide" e "La Traviata"
Fredy Franzutti master class per i primi ballerini

Foto ad alta definizioneClick sull'immagine e attendere download


La Bella Addormentata

  FREDY FRANZUTTI


↑ Nuria Salado Fustè

Il Balletto del Sud è invitato alla XV esima edizione del Festival Internazionale di Balletto del Perù che si svolge dal 7 al 9 Novembre 2018 al Teatro “Víctor Raúl Lozano Ibáñez” della Città di Trujillo.

Il festival, organizzato in collaborazione con “l'Universidad Antenor Orrego de Trujillo” è diretto da Stella Purga e prevede la partecipazione principalmente delle prestigiose compagnie del Sud America come il Balletto Nazionale di Cuba, il balletto Nazionale dell'Argentina e del Perù, il Balletto nazionale del Brasile e di alcune compagnie provenienti dal resto del mondo.

Il Balletto del Sud è rappresentato da due dei suoi apprezzati ballerini: Nuria Saldo Fustè e Alexander Yakovlev che si esibiscono nelle tre serate di gala con il passo a due da “La Sylphide”, con le coreografie di  August Bournonville, e il passo a due con le coreografie di Fredy Franzutti sul celebre preludio al terzo atto de “La Traviata” di Giuseppe Verdi.

Il coreografo Franzutti è inoltre invitato a tenere delle master class ai primi ballerini delle 9 compagnie presenti al Festival.

La collaborazione tra il Festival Internazionale di Balletto di Trujillo e il Balletto del Sud continuerà anche nelle prossime edizione nelle quali potrebbe essere prevista anche una serata interamente realizzata dalla compagnia italiana.

 

il Teatro "Víctor  Raúl Lozano Ibáñez” della Città di Trujillo.


↑ La Città di Tujillo in Perù


↑ Alexander Yakovlev

 

 
 
La Bella Addormentata al Teatro Olimpico PDF Stampa E-mail
 

COMUNICATO

La Bella Addormentata del Balletto del Sud
al Teatro Olimpico di Roma

La compagnia Balletto del Sud ospite della Stagione della Filarmonica Romana
per la rappresentazione de "La Bella Addormentata", 
balletto in due atti, con le coreografie di Fredy Franzutti  su musiche di Pëtr Il´ič Čajkovskij.

 Inizia con le repliche a Roma la nuova stagione degli spettacoli del Balletto del Sud.

continua con successo la tournée de La Bella Addormentata in Terra D'Otranto
con le coreografie di Fredy Franzutti, il mito della taranta ritorna a Roma

Foto ad alta definizione
Click sull'immagine e attendere download


La Bella Addormentata


↑ Nuria Salado Fustè, la Principessa

 
Nuria Salado Fustè e Carlos Montalvan ↑


Nuria Salado Fustè e Carlos Montalvan ↑


↑ La strega Carabosse: Andrea Sirianni


Venerdì 5, Sabato 6 e Domenica 7 (ore 18.00) Ottobre 2018, al Teatro Olimpico di Roma, il Balletto del Sud porta in scena uno dei suoi titoli di maggior successo: la bella addormentata,... in terra d'Otranto.
Lo spettacolo è inserito nella programmazione danza della Filarmonica Romana.

Con un totale di 100 repliche in importanti festival e teatri italiani e internazionali (come il Festival della Versiliana a Marina di Pietrasanta, il Centro Interculturale di Torino, la Latomia del Paradiso di Siracusa, il Teatro ai Templi di Paestum, il Teatro Sociale di Rovigo, l'Europauditorium di Bologna, il Teatro Nuovo di Torino, il Bellini di Napoli, il Teatro Verdi di Padova, il Rendano di Cosenza, il Teatro Team di Bari, il Teatro Verdi di Pisa, il Teatro Antico di Taormina e recentemente l'Opera del Cairo) lo spettacolo, firmato per regia e coreografia da Franzutti, per la compagnia da lui guidata, ha raccolto ovunque entusiastici consensi di pubblico e critica per la propria ambientazione, originale e sorprendente, ma perfettamente funzionale allo svolgimento del racconto e alle musiche.

Già il noto critico di danza Vittoria Ottolenghi definì l’allestimento come frutto di “un’idea geniale!“.

Nell’edizione originale, firmata nel 1890 dal coreografo Marius Petipa, la trama del balletto deriva da una favola, “La belle au bois dormant”, compresa in una raccolta, “Ma mère l’Oie”, dello scrittore francese Charles Perrault (1628-1703). Il racconto di Perrault, a sua volta, è ispirato dalla favola “Sole, Luna e Talia”, contenuto nel “Pentamerone”, o “Cunto de li cunti”, dello scrittore campano Giambattista Basile (1575-1621).
Franzutti, nella propria versione del balletto (creata nel 2000 per il Teatro Politeama Greco di Lecce), sposta l’azione dal testo di Perrault, con la storia fantastica di una principessa che si risveglia dopo 100 anni di sonno, e si ispira, in maniera più articolata, al racconto di Basile. Questi narra di una principessa addormentata per un incantesimo nel Mezzogiorno d'Italia. Parte da questa prerogativa geografica lo speciale intervento creativo di Franzutti. Il coreografo infatti riporta la trama del balletto nel luogo d’origine, ovvero il Sud del nostro paese.

Ciò ha permesso una precisa connotazione di carattere storico e folklorico, ovvero la sostituzione della puntura con il fuso con il morso della tarantola salentina. La Principessa Aurora diventa, in questo allestimento, una giovane e bella ragazza mediterranea, alla quale una vecchia maga predice un infelice destino. Saranno l’abilità della zingarella Lilla, e il bacio d'amore di un principe-antropologo, spinto a rintracciare le orme di una antica leggenda, a destare la fanciulla dal proprio sonno centenario.

Danza, nel ruolo principale della principessa Aurora, Nuria Salado Fusté; nel ruolo del principe Ernesto (come l'antropologo Ernesto De Martino, che “scopre” il fenomeno del tarantismo salentino) danza Tsetso Gheorghe Ivanov. Al loro fianco, nei ruoli solistici, i validi danzatori della compagnia: Alessandro De Ceglia (Roberto, il padre di Aurora), Carolina Sangalli (La Fata dei Lillà), Beatrice Bartolomei (Silvia, la madre di Aurora), Alice Leoncini (la principessa fiorina) e Alexander Yakovlev (l'uccello azzurro).

Il ruolo en travesti della strega Carabosse (personaggio creato da Franzutti per Lindsay Kemp e alla cui memoria lo spettacolo è dedicato) è interpretato dall'attore Andrea Sirianni. Completano le scene di gruppo: Haruna Asai, Giorgia Bergamasco, Triana Botaya Lopez, Ana Clara Iribarne, Alice Leoncini, Letizia Rossetti, Federica Scolla, Fabiana Serrone, Ovidiu Chitanu, Paolo Ciofini, Lucio Mautone, Giuseppe Stancanelli, Gabriele Togni, Valerio Torelli, Alexander Yakovlev, tutti elementi del Balletto del Sud, emblemi di una bella e solida realtà nazionale che ha saputo collezionare successi in numerose tournée italiane ed europee. 
Le scene sono firmate e realizzate da Francesco Palma.

Le repliche della tournée 2018-2019 sono dedicate al grande Lindsay Kemp recentemente scomparso il 24 agosto che ha interpretato, nella Bella Addormentata del Balletto del Sud, il ruolo della strega Carabosse dal 2005 al 2013.

Lo spettacolo continua la sua tournèe sino all'estate 2019.

 

 


 
Lindsay Kemp nella Bella Addormentata di Franzutti 
 

 
 
 
 
 
 
premio Zeus 2018 PDF Stampa E-mail

Premio Zeus – Premio Internazionale di Archeologia – Città di Ugento



Immagini alta definizione click sull'immagine e attendere download
↑ locandina della serata


↑ Fredy Franzutti, regista e coreografo

 

 

Il 22 settembre un evento straordinario dedicato
al mito di Zeus nella Piazza San Vincenzo di Ugento

 l Comune di Ugento presenta, sabato 22 settembre 2018 - ore 20.30, nella cornice di Piazza San Vincenzo, la V edizione del premio Zeus - internazionale di archeologia, spettacolo composito di danza, musica e teatro, interamente dedicato alla mitologia, con la direzione artistica di Fredy Franzutti, oggi uno dei nomi più rilevanti dello spettacolo italiano.

La cerimonia di premiazione ha la finalità di valorizzare personalità del mondo della cultura con gli intenti di creare le condizioni abilitanti per interpretare il complesso mondo dell’archeologia e dei beni culturali, di sensibilizzare alla tutela e salvaguardia del patrimonio archeologico, storico e culturale, di sollecitare una percezione dinamica e un’elaborazione cognitiva di tipo emotivo e di fidelizzare il pubblico attraverso la creazione di pratiche partecipative come appunto lo spettacolo che presentiamo.

Il premio è riservato alle seguenti sezioni: Premio alla carriera, Premio Giovani laureati in archeologia in Italia e all’estero e Premio per l'Innovazione e tecnologia. 
Saranno assegnate anche due menzioni speciali: Archeoblogger e Gestione Museale. 


Per l'edizione 2018 il premio si dota di un prezioso trofeo appositamente creato da Paolo Davide Pappadà. Creazioni in rame, realizzate totalmente a mano, sono il risultato di una ricerca tecnica inscindibile da quella artistica.

I candidati al premio Zeus - internazionale di Archeologia hanno partecipato ad un bando aperto a giovani laureati in archeologia in Italia e all’estero, a professionisti e imprese, associazioni e altri soggetti del settore aventi personalità giuridica.

Le candidature sono state valutate da un apposito Comitato Scientifico composto dal Sindaco della Città di Ugento, dal Direttore Scientifico del Premio Ludovico Solima – Professore associato di Economia e gestione delle imprese e docente di “Management delle imprese culturali” presso l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” – e da un rappresentante designato dai seguenti partner affiliati: Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi, Lecce e Taranto; Museo Archeologico Nazionale di Taranto; Polo Museale della Puglia; Università del Salento, Dipartimento di Beni Culturali; Fondazione Museo Civico di Rovereto; Federculture. 


 

La serata, che prevede interventi di danza, teatro e musica con il tema comune del mito antico e della cultura classica, è condotta da Loredana Di Cuozo, personaggio della cultura salentina, giornalista, laureata in filosofia e attualmente Dirigente del Liceo Classico e Musicale G.Palmieri di Lecce.

Protagonisti sono i danzatori del Balletto del Sud, compagnia di balletto vero vanto della cultura pugliese con i primi ballerini: Nuria Salado Fustè e Alessandro De Ceglia;  i noti attori Carla Guido e Andrea Sirianni; il validi musicisti Emanuele Cacciatore, flautista e Angela Cosi, arpista. E i danzatori hip hop della Viking Crew diretta da Gennaro Cascione.

Il programma della serata mitologica del Balletto del Sud, "oggi l'unica compagnia italiana in grado di presentare con rigore e qualità tecnica un programma così impervio" (Ermanno Romanelli), presenta titoli che sono capisaldi del genere balletto narrativo. Come il celebre passo a due dedicato alle figure di “Diana e Atteone”, coreografato da Agrippina Vaganova nel 1935 su musiche di Riccardo Drigo, riorchestrate da Cesare Pugni, autentico cavallo di battaglia delle grandi coppie di virtuosi di tutto il mondo. Segue la ricostruzione di Franzutti della prima coreografia del rarissimo “Amore e Psiche”, su musiche di Ludwig Minkus, brano d'occasione creato da Leonid Lavrovskij, negli anni ‘30, per i solisti dal Teatro Bolscioi di Mosca.
La serata fa vivere anche gli amori contrastati di Orfeo ed Euridice (su musiche di Gluck) e di Selene e Zeus (su musiche di Debussy) e ancora Ipponoo, nell'atto di imbrigliare Pegaso, la fiera alata; l'assolo di Giunone (tratto dal Giudizio di Paride, scena di danza dell'Adriana Leucovreur di Francesco Cilea), il fauno e Romolo e Remo (su musiche di Vivaldi). Il quadro dedicato a Marte è interpretato dalla crew Hip Hop diretta da Gennaro Cascione.

L'attore Andrea Sirianni è impegnato nell’interpretazione di testi di Gabriele D'Annunzio, il monologo dell'Aiace, di Sofocle, e l'Ulisse, avvolto dalle fiamme, dal XXVI canto dell'Inferno di Dante.
L'attrce Carla Guido introduce i miti con delle affascinanti letture.

 

Ingresso libero, per informazioni: Proloco di Ugento 0833555644 / Balletto del Sud 0832 453556.

 

 

 


 
 



 
 
 
 


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Risultati 27 - 52 di 197