Home arrow last news
Home
spettacoli
eventi
danze nelle opere
la compagnia
coreografo
la scuola
associazione
calendario
stories
last news
video
progetti
Dove siamo
audizione
trasparenza
area vendita

scegliete qui lo spettacolo
per il vostro teatro o festival
stagione 2018/2019 ↓


last news
Serate di Danze all'Teatro Romano di Lecce PDF Stampa E-mail
 
 
 
 

ANDREA SIRIANNI ↓

 NURIA SALADO FUSTE'
e ALESSANDRO DE CEGLIA ↓

 LE QUATTRO STAGIONI ↓

 


GRAN GALA'

 


 COMUNICATO

SERATE DI DANZA CON IL BALLETTO DEL SUD
AL TEATRO ROMANO DI LECCE

 il Balletto del Sud conclude la stagione estiva con due appuntamenti al Teatro Romano di Lecce
all'interno di “Lecc'è Festival 2016”
rassegna estiva promossa dal Comune di Lecce.
Sabato 27 agosto, ore 21,00: Le Quattro Stagioni di Auden
Domenica 28 agosto, ore 21,00: Gran Galà della Danza

 

 “Le quattro stagioni”


Il Balletto del Sud presenta sabato 27 agosto alle ore 21.30, nella suggestiva cornice del Teatro Romano di Lecce, “Le Quattro Stagioni”, performance di teatro e danza in un atto con le coreografie di Fredy Franzutti su musica di Antonio Vivaldi e John Cage. Lo spettacolo trae ispirazione della poetica di Wystan Hugh Auden. Le scene sono di Isabella Ducrot.
Il balletto è in programmazione all'interno di “Lecc'è Festival 2016” rassegna estiva promossa dal Comune di Lecce.
Lo spettacolo, che rappresenta uno dei titoli più contemporanei del repertorio creato da Fredy Franzutti per la sua compagnia, si avvale delle stagioni, intese come mutamento climatico dell'anno solare, per riflettere sulle fasi della vita dell'uomo.

Le stagioni della vita, o meglio dei sentimenti, non sono dettate da mutamenti repentini scadenzati da giorni precisi del calendario, ma sono legate alla reazione emotiva dell'individuo collettivo agli eventi che accadono.

Per sostenere la tesi Franzutti affida la legazione dei quadri danzati alle rime del poeta inglese (americanizzato nel 1939) Wystan Hugh Auden (interpretate dal noto attore Andrea Sirianni) e alla sua analisi della società dell'uomo comune o, meglio, qualunque, definito “l'ignoto cittadino”.

Alle note, rassicuranti e familiari, di Vivaldi si alternano, in contrasto, le amelodie ritmate di John Cage che ci portano alle esigenze dell'uomo moderno ed alle straordinarie potenzialità espressive di questa età dell'ansia che abbiamo chiamato contemporaneità.
Di forte impatto l'impianto scenico utilizzato per lo spettacolo, realizzato da Isabella Ducrot nota per le sue opere riprodotte su tessuti rari e di interesse storico.

Danzano i solisti del Balletto del Sud: Nuria Salado Fustè, Alessandro De Ceglia, Martina Minniti, Stefano Sacco, Federica Resta, Francesca Bruno, Alexander Yakovlev, Lucio Mautone, Francesca Raule, Ciro Iorio, Beatrice Bartolomei, Alice Leoncini, Luca Rimolo, Daniel Agudo Gallardo. Emblemi di una realtà solida che replica da vent'anni con successo spettacoli nei più prestigiosi festival internazionali.

Lo spettacolo Le Quattro Stagioni ha riscosso, fin dalle prime rappresentazioni, ottimo riscontro di pubblico e lodi dalla critica ed ha replicato, nel maggio 2016 nella stagione della Filarmonica Romana al Teatro Olimpico di Roma, gremito per l'occasione.


 "Gran Galà Della Danza"

Domenica 28 agosto, alle ore 21:00, nella suggestiva cornice del Teatro Romano di Lecce, il Balletto del Sud presenta il Gran Galà della Danza, uno spettacolo dedicato alla magia del balletto classico e alle più celebri pagine del suo repertorio.
Ne sono interpreti i solisti e i primi ballerini del Balletto del Sud, diretto dal 1995 da Fredy Franzutti, una compagine oggi considerata tra le più importanti della danza italiana; l'unica, nel nostro paese, in grado di affrontare l’impegno tecnico e le qualità espressive richieste dal genere narrativo nel balletto classico accademico.
Il programma presenta passi a due e assoli tratti dai grandi titoli del repertorio del balletto: Don Quixote, Le Corsaire, Harlequinade, Esmeralda, unitamente a Romeo e Giulietta, Carmen, Cavalleria Rusticana e Zorba su coreografia di Fredy Franzutti.

È un programma avvincente, che conquista le platee d’ogni età e d’ogni luogo, un cartellone in cui la fanno da padrone il brillìo del virtuosismo, la padronanza della tecnica, la completezza dello stile.

Luoghi e figure legati alla cultura e al folclore del Mediterraneo fanno la loro comparsa tra i balletti citati, a dimostrazione della perenne vitalità delle diverse civiltà che si affacciano sul Mare nostrum.

Sono evocazioni e momenti di musica e danza che rimandano direttamente alla Spagna, all'Italia, alla Grecia, alla Venezia del '700 e all'isola di Cipro, in un accattivante ventaglio di ritmi e melodie posti al servizio di personaggi resi immortali dalle creazioni coreografiche di ogni tempo.

Protagonisti del Galà di danza sono gli eccellenti danzatori: Nuria Salado Fustè e Alessandro De Ceglia che si esibiranno in "Don Quixote" e nel passo a Due di "Sheherazade"; Martina Minniti e Alexander Yakovlev in  "Romeo e Giulietta"  scena del balcone e in "le Corsaire"; Francesca Raule e Stefano Sacco in "Harlequinade", Francesca Bruno e Ciro Iorio nell'intermezzo di "Cavalleria Rusticana", Alice Leoncini e Daniel Agudo Gallardo in "Carmen", Federica Resta in "Esmeralda". A loro si aggiungono, nelle scene di gruppo,  Lucio Mautone, Luca Rimolo e Beatrice Bartolomei.

Nel Galà è prevista la partecipazione del leccese Francesco Costa.
L'invito a partecipare ha valore in quanto Costa ha recentemente partecipato alla più importante competizione internazionale di balletto - il prestigioso concorso di Varna – ottenendo una nomina speciale come migliore artista.
Francesco Costa, attualmente solista del Teatro dell'Opera di Vienna, partecipa allo spettacolo danzando sulla canzone "Les Bourgeois" di Jacques Brel. Durante la serata, il danzatore, riceverà un riconoscimento per i suoi successi, consegnato da Loredana Capone, Assessore alla Cultura della Regione Puglia.

Conducono la serata: Giuliana Paciolla e Andrea Sirianni


Costo biglietti: Posto unico -  € 15,00 Ridotto € 10,00 (under 25 over 65).I biglietti si possono acquistare presso la coop. Theutra, Castello Carlo V - Lecce (Tel. 0832 246517 ), presso la sede del Balletto del Sud, Via A. Biasco n. 10 - Lecce (0832 453556), oppure on line sul circuito ciaotickets.com  o possono essere acquistati, direttamente sul luogo della rappresentazione, prima dell'inizio dello spettacolo. 
 
 

 
 
 
Stagione Estiva di Balletto PDF Stampa E-mail
 
 

 COMUNICATO

 

 “Carmina Burana”
12 e 20 agosto, Anfiteatro Romano

“Carmen”
13 e 21 agosto, Anfiteatro Romano

“Le quattro stagioni”
27 agosto, Teatro Romano

“Gran Galà”
28 agosto, Teatro Romano

 

Carmina Burana ↑

 

 Carmen ↑
 

Le Quattro Stagioni ↑
 
Gran Galà della Danza ↑
 
 
 
 

 Il Balletto del Sud di Fredy Franzutti


A Lecce sei appuntamenti da non perdere
con la grande danza

 

Al via i sei appuntamenti firmati da Fredy Franzutti per il Balletto del Sud ed inseriti nel calendario degli eventi estivi del Comune di Lecce, “Lecc’è 2016 Festival”.
 
Si comincia con due fra i titoli più noti e più apprezzati dal pubblico, ospitati all’Anfiteatro Romano, “Carmina Burana”, in programma venerdì 12 e, in replica, sabato 20 agosto, e “Carmen”, prevista, invece, sabato 13 e domenica 21 agosto (sipario ore 21, prevendita biglietti Castello Carlo V, tel. 0832.246517, e Balletto del Sud, tel. 0832.453556).
Per creare la sua versione dei “Carmina Burana”, che festeggia quest’anno i dieci anni dal debutto, Franzutti si ispira ai testi poetici originali medievali e realizza una rappresentazione che ha per soggetto il traumatico passaggio dalla post-adolescenza alla maturità, dando la possibilità alla compagnia di mettere in evidenza la qualità dei suoi solisti e la creatività del coreografo, come ha evidenziato, a più riprese, la critica nazionale.
 
“Uno spettacolo – scrive Michele Nocera su Tuttodanza – dove la poesia diventa danza e la passione diviene forza comunicativa. Sicuramente una delle più belle e convincenti trasposizioni coreografiche del capolavoro di Orff”.

La “Carmen”, balletto in due atti di Fredy Franzutti, ha avuto circa 90 repliche nei più prestigiosi teatri e festival internazionali, fra cui Taormina e Tirana, ha inaugurato il teatro di Pompei ed è uno dei titoli di punta del repertorio del Balletto del Sud. Della celeberrima eroina creata dalla fantasia di Prosper Mérimée, Franzutti esalta il carattere della bellezza medusea, che seduce il pubblico di sempre anche grazie alla popolarissima musica di Georges Bizet.
 
Gli ultimi due dei sei appuntamenti leccesi con il Balletto del Sud, infine, sono previsti al Teatro Romano, alle ore 21. Sabato 27 agosto (posto unico 15 euro), la compagnia porterà in scena “Le quattro stagioni”, performance di teatro, musica e danza in un atto, con coreografie di Fredy Franzutti, musiche di Antonio Vivaldi e John Cage, poesie del Premio Pulitzer Wystan Hugh Auden e scene di Isabella Ducrot.
 
Si chiude domenica 28 agosto, sempre al Teatro Romano, alle ore 21 (posto unico 15 euro), con il “Gran Galà del Balletto del Sud”, che propone al pubblico alcuni capolavori del repertorio classico con un programma avvincente,  in cui  virtuosismo, tecnica e stile la fanno da padrone.

 


Fredy Franzutti ↑ 

 
Balletto del Sud ↑

 
Le Quattro Stagioni ↑

 
 
 
 
 
Premio Castrum Minervae 2016 PDF Stampa E-mail

 A CARLA FRACCI IL PREMIO CASTRUM MINERVAE 2016

Immagini alta definizione click sull'immagine e attendere download
 ↑ locandina della serata


↑ Carla Fracci la regina della danza mondiale

 
↑ Livia Azzariti, conduttrice


↑ Fredy Franzutti, regista e coreografo

 

 

il 7 agosto un evento straordinario dedicato al mito di Minerva nella Piazza Vittoria di Castro

 l Comune di Castro presenta, domenica 7 agosto 2016, nella cornice di Piazza Vittoria, l'XIesima edizione del premio Castrum Minervae, spettacolo composito di danza, musica e teatro, interamente dedicato al mito della dea Minerva e alla mitologia, con la direzione artistica di Fredy Franzutti, oggi uno dei nomi più rilevanti dello spettacolo italiano.

L'evento celebrativo ha la finalità di premiare personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, che hanno contribuito alla promozione della Regione Puglia o che si sono particolarmente distinte per il loro legame al territorio salentino. 


La serata, che prevede interventi di danza, teatro e musica con il tema comune del mito antico e della cultura classica, è condotta da Livia Azzariti, giornalista e conduttrice Rai.

Protagonisti sono i danzatori del Balletto del Sud, compagnia di balletto vero vanto della cultura pugliese nel mondo con i primi ballerini: Nuria Salado Fustè, Carlos Montalvan e Alessandro De Ceglia;  il noto attore Andrea Sirianni; la celebre performer Valentina Gullace accompagnata dalla pianista Vanessa Sotgiu e il valido flautista Teobaldo Scardino. E' inoltre prevista la partecipazione straordinaria del pianista Francesco Libetta.

Ricevono il premio Castrum Minervae 2016: il Dott. Luigi La Rocca, soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per la provincia di Bari, PugliaPromozione Agenzia di Promozione turistica della Regione Puglia, la giornalista Carmen Mancarella direttrice della Rivista “Spiagge”.

 Carla Fracci viene conferito il Premio Speciale Castrum Minervae 2016. La regina della danza sarà presente nella cittadina di Casto e sarà protagonista dello spettacolo con una straordinaria partecipazione.

Alla serata, considerata uno dei maggiori eventi dell'estate salentina, parteciperanno numerose autorità politiche e della cultura.

Il premio Catrum Mnervae ottiene una rilevanza nazionale anche dopo il recente ritrovamento, nel luglio 2015, di una nuova statua di Minerva risalente al IV sec. a.c..

Ingresso libero, per informazioni: Comune di Castro 0836 947005 / Balletto del Sud 0832 453556.

 

 
↑  Francesco Libetta, pianista e compositore

 

 DESCRIZIONE DELLA SERATA

 

 

 
↑ La Statua di Minerva

 
↑ Valentina Gullace, Performer

 
 
 
 


 
Sheherazade nuovo tour PDF Stampa E-mail
 

 click sulle immagini per Alta Definizione


↑ Carla Fracci, regina Thalassa

↑ Carla Fracci, Andrea Sirianni e Carlos Montalvan

↑ Nuria Salado Fustè e Alessandro De Ceglia

 

video e promo

 

 COMUNICATO 1
CARLA FRACCI in tournée

la grande diva continua il tour nazionale nel ruolo della Regina Thalassa

 
 
 
l Balletto del Sud prosegue la tournée estate 2016 con “Shéhérazade e le mille e una notte”, balletto in un atto e cinque quadri, dai racconti di Antoine Galland, su musiche Nikolaj Rimskij-Korsakov.

Un omaggio all’antica città siriana di Palmira con lo storico, grandioso balletto, «Shéhérazade e le mille e una notte», atto unico in cinque quadri ispirato ai racconti d’oriente di Antoine Galland, sulle esotiche melodie del compositore russo Nikolaj Rimsky-Korsakov.
 
Sul palco, nel ruolo della regina Thalassa, un mito autentico della danza di ogni tempo, la grazia leggendaria di Carla Fracci, in scena con le coreografie di Fredy Franzutti, oggi uno dei più apprezzati coreografi nel panorama nazionale.

Tre le date in programma nella fine di Luglio che vedranno la stella della danza Carla Fracci con il Balletto del Sud: giovedì 28 luglio, alle ore 21.00 presso l'Arena delle Rose a Castellammare del Golfo (TP); venerdì 29 luglio, alle ore 21:30 presso il Castello di Donnafugata (RG); domenica 31 luglio, per La Versiliana Festival alle ore 21.30 a Marina di Pietrasanta (LU).
 
Il «Balletto del Sud», che la critica ha definito «la migliore realtà italiana di un genere accademico narrativo» (Mario Pasi, Vittoria Ottolenghi e Michele Nocera), presenta uno spettacolo di danza e teatro con il noto attore Andrea Sirianni, nel doppio ruolo di Shéhérazade e del Sultano, che introduce i quadri danzati.
 
Nei ruoli principali si esibiscono: il celebre danzatore cubano Carlos Alberto Montalvan Tovàr (Sindbad, il marinaio) e i primi ballerini Nuria Salado Fustè (Zobeide) e Alessandro De Ceglia (il principe Assan). A fianco a loro: Martina Minniti, Alexander Yakovlev, Ciro Iorio, Francesca Raule, Luca Rimolo, Martina Minniti, Stefano Sacco, Daniel Agudo Gallardo, Lucio Mautone, Kevin Arduini, Francesca Bruno, Beatrice Bartolomei, Alice Leoncini.
 
Il Sultano uccide le sue mogli dopo la prima notte di nozze, per evitare di essere tradito. Ma la bella Shéhérazade rimanda la sua esecuzione grazie alle doti di narratrice, e incanta il Sultano con racconti fantasiosi e avvincenti intrecciandoli fascinosamente. Nella speziata partitura di Rimskij-Korsakov, un tema musicale ricorrente rappresenta la narrazione di Shéhérazade.
 
Lo spettacolo, che ha replicato con successo nei più importanti teatri e festival internazionali, propone una riflessione quanto mai attuale, forse doverosa, sulla gloriosa storia dei paesi arabi, sui fasti di Bagdad, sulla potenza e bellezza grandiosa delle terre siriane, non solo come esotismo di un qualsiasi “altrove”, ma come ammirazione per l’Oriente lontano. Eterea, leggera, divina, signora della danza italiana e internazionale, la figura regale di Carla Fracci colpisce per la infinita saggezza espressiva e il carisma del suo gesto coreutico donando momenti di memorabile fascino.
 

 



 
Sheherazade - Catellammare del Golfo (TP) PDF Stampa E-mail

 

 

 click sulle immagini per Alta Definizione


↑ Carla Fracci, regina Thalassa

↑ Carla Fracci, Andrea Sirianni e Carlos Montalvan

↑ Nuria Salado Fustè e Alessandro De Ceglia

 COMUNICATO

CARLA FRACCI in tournée

la grande diva all'arena delle rose di Castellammare del Golfo (TR)

 
 
 
l 17° Circuito Danza Siciliarte presenta il 28 Luglio (ore 21.15.), nella splendida cornice dell'Arena delle Rose a Castellammare del Golfo – Trapani: “Shéhérazade e le mille e una notte”, balletto in un atto e cinque quadri, omaggio all'antica città siriana di Palmira, ispirato ai racconti d’oriente di Antoine Galland, sulle esotiche melodie del compositore russo Nikolaj Rimsky-Korsakov.

Sul palco, nel ruolo della regina Thalassa, un mito autentico della danza di ogni tempo, la grazia leggendaria di Carla Fracci, in scena con le coreografie di Fredy Franzutti, oggi uno dei più apprezzati coreografi nel panorama nazionale. La compagnia che porta in scena lo spettacolo è il Balletto del Sud, che la critica ha definito «la migliore realtà italiana di un genere accademico narrativo» e presenta uno spettacolo di danza e teatro con il noto attore Andrea Sirianni, nel doppio ruolo di Shéhérazade e del Sultano, che introduce i cinque quadri.

Danzano nei ruoli principali: il celebre danzatore cubano Carlos Alberto Montalvan Tovàr (Sindbad, il marinaio) e i primi ballerini Nuria Salado Fustè (Zobeide) e Alessandro De Ceglia (il principe Assan). Affianco a loro: Martina Minniti,  Alexander Yakovlev,  Ciro Iorio, Francesca Raule, Luca Rimolo, Martina Minniti, Stefano Sacco, Daniel Agudo Gallardo, Lucio Mautone, Kevin Arduini,  Francesca Bruno, Beatrice Bartolomei, Alice Leoncini. Emblemi di una realtà consolidata che riceve applausi e consensi nelle numerose tournèe nazionali e internazionali.

Lo spettacolo "Shéhérazade e le mille e una notte", è organizzato dall'Associazione Culturale Aindartes promotore del Circuito  Siciliarte con la direzione artistica ed organizzativa di Aurelio Cannizzo. La serata, considerata l'evento dell'estate 2016 della provincia di Trapani, gode del patrocinio del Ministero per i Beni e le attività culturali e del Comune di Castellammare del Golfo e della Regione Sicilia.
 
I biglietti, al costo di  € 25,00 per la platea e di € 15,00 gradinata, possono essere acquistati in prevendita contattando il 335 6560149 o direttamente al botteghino dell' Arena delle Rose di Castellammare del Golfo (TP).
 




 
Premio Cappelli a Franzutti PDF Stampa E-mail
 

 COMUNICATO

PREMIO INTERNAZIONALE CARLO ALBERTO CAPPELLI

AL COREOGRAFO FREDY FRANZUTTI



 
Un importante riconoscimento verrà conferito domenica 17 luglio 2016, ore 21.00, al coreografo italiano Fredy Franzutti nella splendida cornice di Piazza Garibaldi di Rocca San Casciano nella provincia di Forlì-Cesena. Si tratta del prestigioso Premio Internazionale Carlo Alberto Cappelli voluto e organizzato da Dodo Frattagli, Mario Biserni, Federico Mancusi, assieme a tutti gli amici dell’Associazione “Lirica-Prosa-Danza Carlo Alberto Cappelli” e alla Pro Loco.

L'evento gode del patrocinio del Comune di Rocca San Casciano città natale del mitico impresario teatrale, nonché editore, Carlo Alberto Cappelli, che ospita l’edizione 2016 del Premio Internazionale dedicato alla memoria dell’uomo che, dopo aver portato il Comunale di Bologna ai ranghi dei grandi teatri europei, fece conoscere al mondo l’Arena di Verona.

“Dopo lunga attesa – spiega Dodo Frattagli – il riconoscimento viene dedicato alla danza, settore del teatro musicale che è sempre stato caro a Carlo Alberto Cappelli. Per l’occasione il premiato è il coreografo e regista internazionale Fredy Franzutti, uno degli artisti più autorevoli del panorama italiano e dell’Italia nel mondo, il quale nel 1995 ha fondato il Balletto del Sud, compagnia che oggi vanta un repertorio di 30 spettacoli.  Impegnato nell’allestimento di spettacoli dal Bolscioi di Mosca all’Opera di Roma (dove ha lavorato su invito di Carla Fracci), come a Sofia, Montecarlo, Bilbao, Magdeburgo e  Tirana. Fredy Franzutti porterà a Rocca San Casciano la sua edizione del balletto “Carmen”, uno spettacolo che ha riscosso successi in importanti festival e teatri internazionali.”

Premio Cappelli 2016 anche ad un’altra luminosa personalità del mondo musicale, operistico: la milanese Anna Crespi Morbio presidente dal 1978 dell’Associazione Amici della Scala, autentico faro vivamente acceso per la salvaguardia della cultura musicale.

Il prestigioso premio Cappelli è stato, negli anni, conferito a personalità celebri del mondo dello spettacolo  del calibro di: Luciano Pavarotti, Anna Proclemer, Carla Fracci, Ennio Moricone, Rossella Falk,  Franca Valeri, Elisabetta Terabust, Piera Degli Esposti, Linday Kemp, Patrick Dupond, Giuseppe Di Stefano, Luciana Savignano, Placido Domingo, Maurizio Scaparro, Francesco Ernani, Mstislav Rostropovich, Pier Luigi Pizzi, Dimitra Theodossiou, Cristina Mazzavillani Muti, Roberto Abbade nel 2016 a Fredy Franzutti e  Anna Crespi Morbio.« Sono stata io stessa a proporre al patron Dodo Frattagli, la candidatura di Fredy Franzutti al Premio Internazionale dedicato alla memoria di mio padre Carlo Alberto Cappelli. Credo che Franzutti  sia, in questo momento, il coreografo italiano più interessante perché è sintesi di tanti aspetti dell'arte italiana o di come un artista dovrebbe essere per raggiungere il meritato successo. Infatti, lui, non solo è abile coreografo, ma è anche uomo colto ed educato capace di raccontare e coinvolgere, abile nel progettare e realizzare, nel creare e proporre. Un artista che è riuscito ad interessare la severa critica nazionale e i programmatori esigenti. Tutto ciò fondando, già vent’anni fa, la sua  compagnia in una delle più lontane città del sud del nostro paese. Continuando con incremento di attività in uno dei momenti più difficili della storia della cultura italiana diviene lui stesso, con il suo lavoro e suoi successi internazionali, riscatto meridionale e dimostrazione che il fare senza lamentarsi è premiato. Sono sicura che Fredy Franzutti sarebbe stato artista stimato da mio padre, che ha vissuto invece nel rinascimento del teatro, e certamente lo avrebbe coinvolto nei suoi progetti affascinato, come lo sono io, dal suo sapere e dalla sua brillante fantasia creativa. » Vittoria Cappelli (produttrice di Eventi Rai e direttrice della Cappelli s.r.l.).
 
 
 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 53 - 78 di 170