Home arrow last news
Home
spettacoli
eventi
danze nelle opere
la compagnia
coreografo
la scuola
associazione
calendario
stories
last news
video
progetti
Dove siamo
audizione
trasparenza
area vendita

scegliete qui lo spettacolo
per il vostro teatro o festival
stagione 2019/2020 ↓


last news
Kandinsky e Scriabin a Lecce PDF Stampa E-mail

 “Kandinsky e Scriabin: quando la pittura si trasforma in musica”

è il titolo dello spettacolo in scena il 10 novembre alle 21.00 al Teatro Comunale Giovanni Paisiello di Lecce.


La serata, un recital di arti-integrate, è ideata e diretta da Fredy Franzutti e presenta esecuzioni di brani per pianoforte solo, affidato ad Alessio Zuccaro, interventi di danza, con i solisti del Balletto del Sud e le coreografie di Angelo Egarese e un video mapping creato da Hermes Mangialardo; il tutto inframmezzato dalle voci dell’attore Andrea Sirianni, che interpreta, anche, alcune poesie di Gabriele D’Annunzio (che ammirava moltissimo Scriabin e a cui dedicò nel suo “Notturno” la “Scriàbine danza”), della storica dell’arte Mariella Agostinacchio, la quale ci introduce nel mondo colorato e surreale di Kandiskij e del critico musicale Eraldo Martucci, che racconta le relazioni artistiche tra i due autori del novecento. I quandri danzatii sono interpretati dai solisti del Balletto del Sud: Serena Ferri, Federica Resta, Francesca Raule, Daniel Agudo Gallardo e Lucio Mautone.


La serata è organizzata dall’associazione culturale “Festinamente”, in collaborazione con l’associazione Nireo ed il Comune di Lecce. Ingresso: 15 euro platea e palchi, 10 euro loggione. Prevendita: Castello Carlo V Telefono: 0832 246517; Youmusic, Piazza Mazzini 71, tel. 0832 241574; Balletto del Sud, via Biasco 10, tel 0832453556. Una parte dell’incasso sarà devoluta all’Associazione onlus Triacorda per l’ospedale pediatrico del Salento.

 
omaggio a D'Annunzio PDF Stampa E-mail
  Il Balletto del Sud presenta un Omaggio a Gabriele D'Annunzio dal titolo “Che ieri mi illuse che oggi t'illude”, giovedì 29 e venerdì 30 ottobre - alle ore 21,00 – al Teatro Comunale di Nardò (LE).

Il recital in cui la parola, la musica e la danza si integrano per celebrare uno dei principali poeti e drammaturghi del '900 italiano e ideato dal regista e coreografo Fredy Franzutti e presenta alcune pagine tratte dalle "Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi" e brani dal romanzo "Il Fuoco" (dedicato all'attrice Eleonora Duse), interpretate del valido attore Andrea Sirianni; la scelta dei brani ha avuto, come riferimento di ricerca, l'illusione di un recupero di emozioni o atmosfere smarrite e l'illusorio mondo della mitologia antica.

Legano le poesie le note dei brani, eseguiti dal flauto di Teobaldo Scardino e dall'arpa di Nunzia Del Popolo. Le musiche, come in un melologo a tema, sono di autori vicini a D'Annunzio o di altri scelti per una diretta ispirazione al testo recitato, una sorta di colonna sonora in omaggio all'arte futurista del cinema. 

Le coreografie di Fredy Franzutti sono danzate da sei dei solisti della sua compagnia: Nuria Salado Fustè, Alessandro De Ceglia, Martina Minniti, Stefano Sacco, Francesca Bruno e Federica Resta.

La celebre frase di chiusura della lirica “La Pioggia nel Pineto” - spiega Franzutti - è intesa come paradigma descrittivo della poesia e poetica di Gabriele D'Annunzio: l'illusione, per D'Annunzio, non è solo una opposta verità, ma è una prospettiva creativa e fantastica del reale. L'illusione della creazione e la metamorfosi sono le due direzioni nelle quali il lettore si perde, si smarrisce, vaga senza meta… "chissà dove, chissà dove...".

Il Balletto del Sud, una delle più note e apprezzate nel panorama nazionale, durante questa tournée invernale, festeggerà il 20° anno di attività con un ricco calendario di eventi.

lo spettacolo, "Che ieri m'illuse, che oggi t'illude" adatto a teatri con misure ridotte, sarà poi in tournée nazionale replicando anche in spazi non convenzionali come scuole, sale convegni e nuovi contenitori culturali.
Biglietteria 0833 836240 (apertura mercoledi e venerdi dalle 16,00 alle 19,00)
Costo biglietto: €10 (ridotto 8) per platea e palchi centrali ed € 8 (ridotto 5) per palchi laterali e loggione.
 
Che ieri mi illuse a Nardò PDF Stampa E-mail
 - Giovedì 29 e Venerdì 30 ottobre - alle ore 21,00 – il Balletto del Sud, in collaborazione con Teatri a Sud, inaugura la sua tournée invernale al Teatro Comunale di Nardò (LE), con il "reading-dancing concert", dal titolo: “Che ieri m'illuse, che oggi t'illude”, in cui la parola, la musica e la danza si integrano per celebrare uno dei principali poeti e drammaturghi del '900 italiano: Gabriele D'Annunzio.

La celebre frase di chiusura della lirica “La Pioggia nel Pineto” è intesa come paradigma descrittivo della poesia e poetica di Gabriele D'Annunzio: l'illusione, per D'Annunzio, non è solo una opposta verità, ma è una prospettiva creativa e fantastica del reale. L'illusione della creazione e la metamorfosi sono le due direzioni nelle quali il lettore (e non il poeta) si perde, si smarrisce, vaga senza meta… "chissà dove, chissà dove".

Il reading-dancing concert “Che ieri m'illise, che oggi t'illude”, ideato dal regista Fredy Franzutti in omaggio al Vate di Pescara, presenta alcune pagine tratte dalle "Laudi del cielo, del mare, della terra, degli eroi" e brani dal romanzo "Il Fuoco" (dedicato all'attrice Eleonora Duse), interpretate del valido attore Andrea Sirianni; la scelta dei brani ha avuto, come riferimento di ricerca, l'illusione di un recupero di emozioni o atmosfere smarrite e l'illusorio mondo della mitologia antica.
 
Animano le poesie e legano le immagini evocate dalle note dei brani (eseguiti dal vivo dal flauto di Teobaldo Scardino e dall'arpa di Nunzia Del Popolo) le coreografie di Fredy Franzutti, danzate da sei dei solisti della sua compagnia.

Il Balletto del Sud, una delle più note e apprezzate nel panorama nazionale, durante questa tournée invernale, festeggerà il 20° anno di attività con un ricco calendario di eventi.
 
Biglietteria 0833 836240 (apertura mercoledi e venerdi pomeriggio dalle 16,00 alle 19,00)
Costo biglietto: €10 (ridotto 8) per platea e palchi centrali ed € 8 (ridotto 5) Per palchi laterali e loggione.
 

 
Il Lago dei Cigni a Taormina PDF Stampa E-mail
 - Domenica 13 settembre, ore 21.30, il Balletto del Sud presenta, nella splendida cornice del Teatro Antico di Taormina “Il Lago dei Cigni” con la coreografia di Fredy Franzutti su musiche di Pëtr Il´ič Čajkovskij.

Replicato in importanti festival e teatri italiani (come il Festival di Vignale, la Versiliana, il festival Milano Oltre, il Teatro del Vottoriale, il Teatro Politeama Greco di Lecce, il Verdi di Brindisi, il teatro Team di Bari, il Nuovo di Torino, i teatri del Veneto, il Teatro Rossini di Civitanova Marche etc.) Il Lago dei Cigni del Balletto del Sud ha sempre riscosso enorme successo per l'intuizione di Fredy Franzutti, oggi uno dei coreografi più apprezzati nel panorama nazionale di ambientare la sua versione del balletto nella Baviera "fin de siècle" di Ludovico II che proprio negli anni della composizione fu dichiarato pazzo e deposto.

Lo spettacolo, ideato nel 1999, Vittoria Ottoleghi lo definisce « una rivisitazione con esito trionfale realizzata con eccezionali solisti, ballerini di qualità, sfarzo di costumi e scene a trasformazione che ricordano il cinema di Visconti, nessuna compagnia italiana e poche in Europa possono vantare tale repertorio e preziosità di allestimenti. »

Nell'estate 2015 ha replicato nel teatro Romano di Lecce nei teatri del Trentino (Bressanone, Vipiteno) e nei comuni di Itinerario Danza.
La compagnia si è già esibita al Teatro Antico di Taormina il 10 agosto 2012 con lo spettacolo Carmen.
 
Itinerario Danza 2015 - conclusione PDF Stampa E-mail

 Si è conclusa il 5 settembre, nella Piazza Libertà di Campi Salentina, la rassegna “Itinerario Danza 2015”, progetto culturale e artistico del “Balletto del Sud” che giunto quest'anno alla XIX edizione è realizzato in collaborazione con “Pugliapromozione” e con le amministrazioni comunali che hanno aderito al progetto.

L'ultimo appuntamento ha avuto dunque luogo a Campi Salentina con lo spettacolo «Shéhérazade e le mille e una notte», balletto in un atto e cinque quadri con la regia di Fredy Franzutti su musiche di Nicolaj Rimskij – Korsakov e l'interazione dell'attore Andrea Sirianni.

Cinque sono stati i titoli portati in scena dal Balletto del Sud: «Shéhérazade e le mille e una notte»,  «Il Lago dei Cigni" in una ambientazione “fin de siècle”; «Fedra: l'ossessione del desiderio», dove Franzutti ha creato una propria versione, ispirandosi direttamente al testo di D'Annunzio autore a cui ha dedicato anche «Che ieri m'illuse, Che oggi t'illude», il reading-concerto con al flauto Teobaldo Scardino, all'arpa Nunzia Del popolo e con l'attore Andrea Sirianni e «Maree» spettacolo realizzato anche grazie al GAL Terre di Arneo che racconta ed esalta l’elemento fluido, inteso come ponte di culture, ma anche come naturale e indispensabile fonte di vita.

Affianco ai ballerini del Balletto del Sud, oggi una solida realtà considerata una delle migliori nel panorama nazionale si sono esibiti ospiti internazionali come i primi ballerini del Teatro dell'Opera di Tirana – Enada Hoxa e Gerd Vaso – che hanno danzato nei ruoli principali nello spettacolo “Fedra:l'ossessione del desiderio”, nella splendida cornice del teatro Romano di Lecce lo scorso 29 e 30 agosto, e la stella della danza mondiale Carla Fracci che si è esibita in due repliche di Sheherazade (Galatone il 6 e Lecce il 7 agosto) e in Maree dell'8 a Carmiano.

Il progetto ha avuto la prima rappresentazione lo scorso 6 agosto a Galatone, nel Palazzo Belmonte-Pignatelli, con la straordinaria partecipazione della icona della danza internazionale Carla Fracci ed ha avuto repliche  per un totale di dodici appuntamenti che hanno contribuito a sensibilizzare un nuovo pubblico nei confronti della danza e rivalutare il patrimonio architettonico e artistico salentino proponendo, prima degli spettacoli, visite guidate nei borghi e, a fine spettacolo, cene e degustazioni con la cucina della tradizione.

I comuni che hanno aderito alla XIXesima edizione sono stati: Galatone, Lecce (quattro appuntamenti inseriti nel programma Lecce capitale della cultura Italiana), Carmiano, Tricase, San Foca marina di Melendugno, Gallipoli, Ugento, Squinzano e Campi.

Importante è stata la partecipazione del pubblico che ha registrato una presenza totale di 9.600 persone, circa 800 a spettacolo.
Particolare successo di pubblico hanno registrato le date a Lecce, San Foca e Tricase.
Le Amministrazioni dei Comuni coinvolti, contente del risultato, confermano la presenza nell'edizione 2016.

nella foto la piazza di Campi.

 

 
Fedra - Teatro Romano di Lecce PDF Stampa E-mail

 FEDRA con le coreografie di Fredy Franzutti su musiche di Ildebrando Pizzetti

29 e 30 agosto 2015 nel TEATRO ROMANO di Lecce

protagonisti: Enada Hoxa e Gerd Vaso primi ballerini dell'Opera di Tirana


Il Balletto del Sud diretto da Fredy Franzutti, nel ventesimo anno di attività, presenta, ad agosto e settembre 2015, una programmazione ricca di appuntamenti. Tre le produzioni portate in tour dalla compagnia. Tra queste figura Fedra, l’ossessione del desiderio, balletto di Franzutti che ha ottenuto un grande successo lo scorso giugno al Teatro dell’Opera di Tirana.
Lo spettacolo, riallestito in coproduzione con l’Opera di Tirana, è in scena il 29 e 30 agosto nell’affascinante cornice scenica del Teatro Romano di Lecce.

Il balletto creato nel 2012 per il Balletto del Sud in occasione dei 150 anni dalla nascita di Gabriele D’Annunzio, si ispira più alla trascrizione della tragedia firmata nel 1909 dal drammaturgo abruzzese che alla tragedia di Euripide, fonte originaria.

Il riferimento al testo dannunziano si coglie anche nella scelta operata da Fanzutti di utilizzare la partitura musicale che Ildebrando Pizzetti compose nel 1915 ispirandosi direttamente al testo di D’Annunzio, come anche nell’allestimento. Nella trasposizione di Franzutti la vicenda si svolge infatti nelle ambientazioni decadenti e fastose del primo Novecento. Le atmosfere art déco fanno da cornice alla tragedia che presenta chiari riferimenti al mondo maschilista di un regime totalitarista.
Il balletto è presentato nel riallestimento andato in scena all’Opera di Tirana, e sarà interpretato, dai primi ballerini del Teatro albanese Enada Hoxa (Fedra) e Gerd Vaso (Teseo), delle vere e proprie star in terra d’Albania e dai solisti del Balletto del Sud.

Il mito di Fedra e la sua folle passione per il figliastro Ippolito sono raccontati nella tragedia "Ippolito" di Euripide. Fedra sposò Teseo, re di Atene che aveva già avuto un figlio, Ippolito, dal matrimonio con la regina delle amazzoni.
Per un maleficio della dea Afrodite ella si innamorò follemente di Ippolito e non riuscendo più a controllare questa sua passione decise di suicidarsi per il disonore.

Le date di “Fedra, l'ossessione del desiderio”, realizzate al Teatro Romano di Lecce, rientrano nella programmazione di Lecce Capitale della Cultura Italiana 2015.
I biglietti al costo di €10 si possono acquistare in prevendita presso il Castello Carlo V di Lecce (sito in Via XXV Luglio - info: 0832 24 65 17) o presso la sede della compagnia Balletto del Sud (Via Biasco n° 10 – info: 0832 45 35 56) o direttamente la sera dello spettacolo al botteghino del Teatro Romano di Lecce (Via Arte della Cartapesta n°1) – vendita anche on-line su www.ciaotickets.com

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 79 - 104 di 179