Home arrow spettacoli arrow serata romantica
serata romantica PDF Stampa E-mail

 

 Il Balletto del Sud presenta uno spettacolo
dedicato al Romanticismo, inanellando le più belle pagine del repertorio
ballettistico alternate con le poesie
di Giacomo Leopardi

 Date recenti:

    • 12 Novembre 2019, ore 21:00 - Sala Garda/ Palazzo dei Congressi - Riva del Garda (TN)

    • 13 Novembre 2019, ore 20:45 - Teatro Comunale - Tesero (TN)

    • 15 Novembre 2019, ore 21:00 - Cinema Teatro - Cles (TN)

    • 16 Gennaio 2020, ore 21:00 - Cine Teatro Italia - Francavilla Fontana (BR)

    • 18 Gennaio 2020, ore 21:00 - Teatro Monte Baldo - Brentonico (TN)

    • 19 Gennaio 2020, ore 20:45 – Teatro del Centro Scolastico - Borgo Valsugana (TN)

    • 23 Gennaio 2020, ore 21:00 – Teatro Giordano - Foggia (FG)

    • 24 Gennaio 2020, ore 21:00 – Cine Teatro Italia - Trani (BT)

    • 8 e 9 Febbraio 2020 – Teatro Comunale Domenico Modugno - Aradeo (LE)

    • 14 e 15 Febbraio - Teatro Comunale di Jesolo (VE)

    • 12 marzo al Teatro del Carmine di Tempio Pausania (OT)

    • 13 marzo 2020 al Teatro Civico di Alghero (SS)

    • 14 marzo al Teatro Centrale di Carbonia (CI)

    • 15 marzo al Teatro Tonio Dei di Lanusei (OG).

     

     

    Serata Romantica

    spettacolo di danza, musica e poesia

    ideazione e regia di Fredy Franzutti

    creazione n° 36 del 2018

     coreografie di
    Michel Fokine, Arthur Saint-Léon, Jean Coralli, Marius Petipa,
    Jules Perrot, August Bournonville e Fredy Franzutti

    musiche di
    Chopin, Adam, Schneitzhöffers, Minkus, Delibes, Verdi

    scene di Francesco Palma

    testi di Giacomo Leopardi

    attore: Andrea Sirianni


      



     

     


     


    Andrea Sirianni

    Presentazione


    “SERATA ROMANTICA”: danza, musica e poesia, spettacolo con musiche di Chopin, Adam, Schneitzhöffer, Brahms, Verdi e le poesie di Giacomo Leopardi.
     
    Le più belle pagine del repertorio ballettistico romantico  (Giselle, La Sylphide, la Bayadere, Les Sylphides) intervallate dai brani di Chopin e le rime del poeta di Recanati ritenuto il maggior poeta dell'Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale.
     
    Protagonisti sono gli interpreti ideali per il programma: i solisti del Balletto del Sud, « l'unica compagnia italiana in grado di affrontare un tale repertorio» (Ermanno Romanelli), ed artsiti ospiti di livello internazionale che rendono ogni replica unica e differente dalle altre.
     
    Molte sono le qualità che accostano la poetica di Leopardi alle melodie di Chopin e la musica romantica, caratterizzate dal pessimismo degli autori: probabile effetto delle patologie che spesso li affliggevano e sviluppatesi successivamente in un sistema complesso poetico e filosofico. Chopin e Leopardi, ad esempio, nacquero a dodici anni di distanza ma furono coetanei nella morte, giunta per entrambi a soli trentanove anni. E durante la serata i brani più celebri del balletto per antonomasia e del più famoso poeta italiano dell’Ottocento rievocheranno le sempiterne suggestioni del Romanticismo, di cui furono tra i massimi rappresentanti.

    Il programma, concepito e diretto da Fredy Franzutti, che cura anche alcune coreografie è uno studio che realizza  uno spettacolo di danza con diverse formule, dal grande spettacolo con corpo di ballo, orchestra al raffinato programma per danzatori solisti, attore e pianoforte.
     

     
     
    Nelle diverse edizioni hanno partecipato alla "Serata Romentica" del Balletto del Sud artisti come: Andrea Sirianni, valido attore dotato di eloquio elegante e dizione corretta che, anche per le sue esperienze sui testi di Gabriele D’Annunzio e W.H. Auden, si può considerare uno specialista dell’interpretazione del testo in poesia. 
     
    « Andrea Sirianni, specialista dell’interpretazione del testo in poesia, è un attore dall’eloquio raffinatissimo e dalla presenza scenica imponente. La sua interpretazione è davvero qualcosa di sorprendente, capace di proiettarci sicura nel mondo emotivo leopardiano » Valentina Nuzzaci (La Gazzetta del Mezzogiorno)
     
    E ancora: La prima balerina Letzia Giuliani, nome di spicco della danza italiana, che partecipa al progetto come ballerina ospite e come ripetitrice delle coreografie del repertorio romantico, donando e tramandando preziosi isegnamenti di stile appresi nella sua carriera internazionale al fianco dei più grandi primi ballerini del momento. I primi ballerini dell'opera di Sofia: Katerina Petrova e Tsetso Ivanov. Un teatro di antica tradizione che riesce a trattenere i dogmi della grande scuola dell'est e a mentenere integro il repertorio di Marius Petipa. La solista del Teatro alla Scala Vittoria Valerio, e altri ballerini del Balletto del Sud ora in altre compagini internazionali.
     
    Lo spettacolo ha visto la partecipazione  del pianista Francesco Libetta, considerato un'eccellenza nel panorama internazionale, definito dal New York Times: “aristocratico poeta dalle tastiera”. Accanto a loro si alternano nel programma i solisti del Balletto del Sud.


     


     

     


    Il conte Giacomo Leopardi nacque a Recanati il 29 giugno 1798 e morì a Napoli il 14 giugno 1837.
    E' stato un poeta, filosofo, scrittore, filologo e glottologo italiano. È ritenuto il maggior poeta dell'Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale, nonché una delle principali del romanticismo letterario; la profondità della sua riflessione sull'esistenza e sulla condizione umana – di ispirazione sensista e materialista – ne fa anche un filosofo di spessore. La straordinaria qualità lirica della sua poesia lo ha reso un protagonista centrale nel panorama letterario e culturale europeo e internazionale, con ricadute che vanno molto oltre la sua epoca.

    Leopardi, intellettuale dalla vastissima cultura, inizialmente sostenitore del classicismo, ispirato alle opere dell'antichità greco-romana, ammirata tramite le letture e le traduzioni di Mosco, Lucrezio, Epitteto ed altri, approdò al Romanticismo dopo la scoperta dei poeti romantici europei, quali Byron, Shelley, Chateaubriand, Foscolo, divenendone un esponente principale, pur non volendo mai definirsi romantico.

    Le sue posizioni materialiste – derivate principalmente dall'Illuminismo – si formarono invece sulla lettura di filosofi come il barone d'Holbach, Pietro Verri e Condillac, a cui egli unisce però il proprio pessimismo, originariamente probabile effetto di una grave patologia che lo affliggeva ma sviluppatesi successivamente in un compiuto sistema filosofico e poetico:« Questo io conosco e sento, / Che degli eterni giri,Che dell'esser mio frale, / Qualche bene o contentoAvrà fors'altri; a me la vita è male »
    (Giacomo Leopardi, Canto notturno di un pastore errante dell'Asia, vv.100-104)

    Il dibattito sull'opera leopardiana a partire dal Novecento, specialmente in relazione al pensiero esistenzialista fra gli anni trenta e cinquanta, ha portato gli esegeti ad approfondire l'analisi filosofica dei contenuti e significati dei suoi testi. Per quanto resi specialmente nelle opere in prosa, essi trovano precise corrispondenze a livello lirico in una linea unitaria di atteggiamento esistenziale. Riflessione filosofica ed empito poetico fanno sì che Leopardi, al pari di Schopenhauer, Kierkegaard, Nietzsche e più tardi di Kafka, possa essere visto come un esistenzialista o almeno un precursore dell'Esistenzialismo.

     

      

     

     

    EDIZIONI ESEGUITE
    non copiare nomi senza autorizzazione della compagnia


      

    Opsiti della serata del 16 febbraio 2019:

    il pianista Francesco Libetta,
    l'attore Andrea Sirianni,
    i ballerini del Teatro alla Scala Vittoria Valerio e Emanuele Cazzato


    Vittoria Valerio

      Vittoria Valerio ed Emanuele Cazzato


     

    Opsiti della serata del 3 e 5 maggio 2018:

    il pianista Francesco Libetta,
    l'attore Andrea Sirianni,
    la prima ballerina Letizia Giuliani e
    i primi ballerini dell'Opera di Sofia:
    Katerina Petrova e Tsetso Ivanov.

     

     

    Serata Romantica

    con FRANCESCO LIBETTA
    ANDREA SIRIANNI
    LETIZIA GIULIANI
    KATERINA PETROVA E TZETZO IVANOV

    e i solisti del Balletto del Sud

    NURIA SALADO FUSTE'
    CARLOS MONTALVAN
    ELIA D'AVOLIO
    ALEXANDER YAKOVLEV
    GABRIELE TOGNI
    ALICE LEONCINI
    LETIZIA CIRRI
    VALERIO TORELLI
    LETIZIA ROSSETTI
    CHIE DESCIMARU
    OVIDIO CHITANO