Home arrow la compagnia arrow compositori

STAGIONE DI DANZA TEATRO APOLLO ↓

 

click sullo spettacolo per acquisto biglietti

Frèdèric Chopin PDF Stampa E-mail

Image Frèdèric François Chopin (1810- 1849) nacque a Zelazowa Wola, in Polonia, dove visse fino all'età di 20 anni, quando si trasferì definitivamente a Parigi.
Egli, il "Poeta del Pianoforte", è riconosciuto come il più grande compositore Polacco, nonché uno dei maggiori pianisti di tutti i tempi. È in una dimensione preromantica che il giovane Chopin forma il suo gusto per il linguaggio musicale, seguendo compositori, allora molto noti, quali Johann Nepomuk Kummel, John Field e Maria Szyanowska. La musica di Chopin subisce ampiamente le influenze della musica popolare polacca e del fraseggio del melodramma italiano, con una preferenza per le arie di Vincenzo Bellini.

Il compositore crebbe in una famiglia dedita alla musica. Il padre, Nicolas Chopin,  parigino d'origine, si trasferì in Polonia dove visse svolgendo  lavori umili fino a che non iniziò ad insegnare lingua e letteratura francese in alcune scuole di Varsavia ed infine amministrò un istituto per i figli dell'aristocrazia polacca.
La madre, Justyna Krzynanowska, amava suonare il pianoforte e fu lei a trasmettere tale passione al figlio Frèdèric, affidandolo agli insegnamenti del maestro Ceco Wojciech Zywny.
Entrato nel 1823 al Liceo di Warszawa, Chopin compì li i suoi studi di armonia e composizione, sotto la guida del prof. Jòzef Elsner. In questo periodo Chopin compose le Mazurche da ballo e il Rondeau in do minore, mostrando una spiccata predilezione per la musica popolare.
Tra il 1826 ed il 1829 Chopin ebbe la possibilità di studiare presso la Scuola superiore di Musica di Varsavia oltre a partecipare attivamente alla vita culturale della capitale.  Frequentò così i concerti di Niccolò Paganini e le opere di Mozart e Rossini, presentate al Teatro Nazionale da Karol Kurpinski.

Negli stessi anni compose le Variazioni in si bemolle maggiore, basate su un motivo del Don Giovanni (di Mozart), ed i Rondeaux Virtuosistica, ispirati dalle musiche popolari.
Gli anni 1929- 1831 coincidono con il primo amore per la cantante Konstancja Gladowska ed i primi successi, ottenuti con i due Concerti per pianoforte, in fa minore (op.21) mi minore (op. 11).
Durante la rivoluzione di novembre Chopin si trovava a Vienna per un soggiorno che si trasformò in esilio spontaneo dopo le notizie che lo raggiunsero dalla Polonia; fu questa l'occasione per trasferirsi a Parigi, cuore pulsante della cultura europea. Le composizioni di questo periodo riflettono l'inquietudine del musicista, assumendo tratti drammatici e fortemente lirici che sostituiscono le note spensierate tratte dalla musica popolare Polacca.
La vita parigina di Chopin lo portò a frequentare i salotti oltre che le scene, divenendo un compositore "di moda". In questi luoghi strinse l'amicizia con molti musicisti coevi, quali Franz Liszt, Vincenzo Bellini ed Hector Berlioz. Ottenne anche un invito a corte.

Nel 1835 subì una forte delusione amorosa in seguito al fallimento del suo fidanzamento con Maria Wodszinska, al quale la famiglia di lei si oppose. La depressione, oltre che ragioni di ordine economico, lo portarono ad un aggravamento della sua già precaria salute (era tubercoloso sin dall'adolescenza).
Dal 1838 la sua vita fu legata con quella della scrittrice George Sand, personaggio stravagante che vestiva come un uomo e fumava il sigaro, con la quale ebbe una burrascosa ma romantica storia d'amore che durò sette anni e lo portò fino a Maiorca.

Al suo ritorno a Parigi, nel 1845, Chopin fu lasciato dalla Sand. Quest'evento segnò il compositore a tal punto che le Mazurche ed i Notturni prodotti in seguito sono tra le opere più ricche di sentimento dell'intera produzione chopiniana.
Durante l'ultimo periodo della sua vita si trasferì in Inghilterra, al seguito di una sua allieva scozzese, Jane Stirling; il clima poco salubre e la sfrenata vita mondana comportarono un ulteriore aggravarsi della sua salute e lo costrinse ad un ritorno a Parigi, dove morì il 17 ottobre 1849 circondato dai suoi più intimi amici tra i quali sono ricordati il pittore e incisore Eugène  Delacroix, Delfina Potocka e l'amata sorella Ludwika.

Delacroix realizzò, inoltre, per l'amico Frèdèric Chopin un ritratto mai terminato.
Venne sepolto a Parigi nel cimitero di Père Lachaise.
Dal 1927 viene organizzato a Varsavia il Concorso Pianistico Internazionale Frèdèric Chopin, il più vecchio concorso monografico del mondo, fondato da Jerzy Jurawlew.

Nel 1907 il coreografo Maicael Fokine creò un balletto utilizzando alcuni walzer e mazurche di Chopin e lo intitolò Chopiniana.