Home
Tra Fregi di Frutta PDF Stampa E-mail

"Tra Fregi di Frutta"

Una storia d'amore tra i decori e i capitelli di uno sfarzoso monumento barocco

Balletto in tre atti

coreografia di Fredy Franzutti
Musiche: Vivaldi, Bach, Niman, Teleman, Albinoni, Minnam, Renè Aubry
Scene: Francesco Palma
Costumi: Mariagrazia Ferreri
Luci: Piero Calò

n. danzatori: 14
n. attori: 1
ballet master:1
n. macchinisti:2
n. tecnici luci: 2
n. assistenti: 2
n. responsabile sartoria: 1
durata spettacolo: 2h

prima rappresentazione: 19 marzo 1995 al Teatro Ariston Lecce
nuova edizione: 29 Agosto 1997 nella Piazzetta del Carmine - Lecce

Tema del balletto in tre atti: il "barocco", forma espressiva architettonica e periodo artistico e culturale che ha caratterizzato il XVII secolo.
Lo spettacolo, che nasce dalla combinazione di diverse forme d'arte, quali danza, musica, recitazione e teatro d'animazione.
Riferimenti ad eventi storici, invenzioni scientifiche o particolari mode ed abitudini proprie dell' 600 europeo si animano sulla scena tradotti dal linguaggio della danza. "Tra Fregi di Frutta": spettacolo che, oltre a narrare un' epoca, narra le struggenti vicende amorose di Adone e Venere protagonisti del poema barocco "L'Adone" di Gian Battista Marino.

I° TEMPO: La primavera
II° TEMPO: L'estate
III° TEMPO: Autunno e Inverno

"L'ADONE"
La trama del poema l'Adone é, in breve, la seguente: il fanciullo Amore, punito dalla madre Venere, per vendicarsi la ferisce col suo fatale dardo e la fa innamorare di Adone, un bellissimo giovane appena approdato nell'isola di Cipro. Singolari avventure, provocate dalla gelosia di Marte, e dalla maga Farsirena, anch'essa innamorata perdutamente di Adone, separano i due innamorati; ritrovatisi, Venere fa incoronare l'amante, re di Cipro.
Ma, mentre la dea è a Citera, Marte durante una battuta di caccia, fa uccidere Adone da un cinghiale che lo assale in un attacco amoroso.
Venere ne celebra le esequie e muta il cuore del suo amante in un fiore, simbolo della bellezza più pura e semplice.