Home arrow la bella addormentata
la bella addormentata PDF Stampa E-mail

 

 l Balletto del Sud presenta uno dei titoli di maggior successo del suo repertorio: "La Bella Addormentata" con le coreografie di Fredy Franzutti sulle note di Pëtr Il´ič Čajkovskij.

Per la leggibilità della drammaturgia, per l'efficacia dell'ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi, lo spettacolo ha raccolto, sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione di pubblico, ed è stato ampiamente lodato dalla critica.

Lo spettacolo ha replicato con successo in prestigiosi festival e teatri in Italia e all'estero, il critico Vittoria Ottolenghi lo definì frutto di «Un'idea Geniale!»

date recenti:

  • 28 Gennaio 2017 - Teatro Comunale Chiabrera - Savona

  • 31 Gennaio 2017 - Teatro Politeama Genovese - Genova

  • 10 Marzo 2017 - Teatro Petrarca – Arezzo 




 


 
balletto in due atti


coreografie di Fredy Franzutti

musica di Pëtr Il´ič Čajkovskij

scene di Francesco Palma


op.n 13 del 2000
durata totale: 1h,40m
 

Presentazione


 l Balletto del Sud presenta, uno dei titoli di maggior successo del suo repertorio: “La Bella Addormentata”, su musiche di Pëtr Il´ič Čajkovskij. Replicato in importanti festival e teatri sia in Italia che all’estero lo spettacolo, firmato per regia e coreografia da Fredy Franzutti, oggi uno dei coreografi più noti nel panorama nazionale, ha raccolto ovunque entusiastici consensi di pubblico e critica per la propria ambientazione, originale e sorprendente, perfettamente funzionale allo svolgimento del racconto e alle musiche.

Già il noto critico di danza Vittoria Ottolenghi definì l’allestimento come frutto di “un’idea geniale!“.

Nell’edizione "classica", dal coreografo Marius Petipa, la trama del balletto deriva da “La belle au bois dormant” dello scrittore francese Charles Perrault. Il racconto di Perrault, a sua volta, è ispirato dalla favola “Sole, Luna e Talia” dello scrittore campano Giambattista Basile.

Franzutti, nella propria versione del balletto, sposta l’azione e si ispira, in maniera più articolata, al racconto di Basile. Questi narra di una principessa addormentata per un incantesimo nel Mezzogiorno d'Italia. Parte da questa prerogativa geografica lo speciale intervento creativo di Franzutti.

Il coreografo infatti riporta la trama del balletto nel luogo d’origine, ovvero il Sud del nostro paese.

Ciò ha permesso una precisa connotazione di carattere storico e folklorico, ovvero la sostituzione della puntura con il fuso con il morso della tarantola salentina. La Principessa Aurora è quindi, nell'edizione di Franzutti, una fresca ragazza mediterranea a cui una vecchia maga predice un atroce destino.

Sarà la magia della zingarella Lilla e il bacio d'amore di un principe-antropologo sulle orme della leggenda a destare la fanciulla dal suo sonno centenario.
 
Per la leggibilità della drammaturgia, per l'efficacia dell'ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi, lo spettacolo ha raccolto, sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione del pubblico.

Gli assieme dei danzatori nella brillante realizzazione delle scene più festose e l'accurata esecuzione dei protagonisti hanno contribuito al successo dello spettacolo.
 
 
 


↑ Nuria Salado Fustè


↑ Boriana Petrova


↑ Andrea Sirianni


Teatro Team di Bari, uno dei numerosi sold-out dello spettacolo


   

Presentazione breve: 784 caratteri

Replicato in importanti festival e teatri, in Italia e all’estero, lo spettacolo, ideato da Fredy Franzutti, uno dei coreografi più noti nel panorama nazionale, ha raccolto ovunque entusiastici consensi di pubblico e critica per la propria ambientazione, originale e sorprendente, perfettamente funzionale allo svolgimento del racconto e alle musiche. Franzutti si ispira al prototesto di Gian Battista Basile e riporta la trama nel luogo d’origine: il Sud dell'Italia. Ciò ha permesso la sostituzione della puntura con il fuso con il morso della tarantola salentina. Sarà la magia della zingarella Lilla e il bacio d'amore di un principe-antropologo sulle orme della leggenda a destare la principessa Aurora dal suo sonno centenario. Vittoria Ottolenghi la definì: “un'idea geniale!”


 


↑ Fredy Franzutti, ringrazia il pubblico a fine spettacolo

 


↑ Lindsay Kemp e Fredy Franzutti

 

note del coreografo


 a Bella Addormentata è la fiaba che preferivo durante la mia infanzia, e che tuttora considero “la fiaba”. Nel realizzarne una mia versione ho voluto avvicinarmi allo spirito leggero della storia, e insieme ho fatto sì che la fiaba stessa si avvicinasse a me e al mio mondo – nel modo più diretto e concreto: cronologicamente e geograficamente.

Ambiento la Bella Addormentata nel Salento e racconto, con la storia di Aurora, il tempo dei miei nonni, il tempo di mia madre, il mio tempo.Esprimo qui il particolare piacere di sapere che la produzione, viaggiando, rappresenta il tono mitico che, tra gli altri, in uno dei suoi scritti anche Marguerite Yourcenar vedeva nella mia terra, l'Oriente dell'Italia.

 Fredy Franzutti

 

↑ galleria video dello spettacolo (2016)

 

« Appassionati, giovani, talentuosi, tecnicamente agguerriti, sbarcano al Teatro Brancaccio i ballerini del Balletto del Sud. Protagonisti di un'accattivante e moderna versione de "La Bella Addormentata" creata nel 2000 da Fredy Franzutti.»

Donatella Bertozzi

 

 coreografie di

 musiche di

 scene di

   

 

 

 ritorna al menù

 
 

«Arriva sulla scena una versione originalmente moderna a firma di Fredy Franzutti, capace coreoautore avveduto e colto, che con il Balletto del Sud si è imposto all'attenzione anche proprio per alcune sue stimolanti rivisitazioni di capolavori del balletto accademico. Come questa "Bella Addormentata" che ha già riscosso in quasi 15 anni molto successo in giro per il mondo. L'operazione è interessante»

Lorenzo Tozzi 

 


↑ Andrea Sirianni, la strega Carabosse

 
Promo con estratti edizione 2011 (durata video minuti: 8,11)
 

 Xiomara Reyes
Principal Amercan Ballet Theatre
prima interprete di Aurora del
Balletto del Sud
edizione 2000

 

 
conferenza stampa Teatro Politeama Greco di Lecce edizione 2011

 

↑ Recensioni e presentazioni

« Un' idea legittima e funzionante quella di Fredy Franzutti, abile coreografo del Balletto del Sud, che ha presentato una personale versione del balletto «La Bella addormentata nel Bosco» sulla musica di Cajkovskij, ambientato nel Salento.
Questo, non soltanto riporta nel Meridione mediterraneo una fiaba/mito di chiaro tipo stagionale (la morte e la resurrezione annuale della Natura), che certo nacque da queste parti; ma gli permette una vera «botta di teatro», e cioè la sostituzione della puntura del consueto, fallico fuso (che dovrebbe dare la morte alla sedicenne Aurora) con il morso della tarantola locale.
Da qui, l'arrivo della vecchia fattucchiera malevola, l'antagonismo positivo della zingara «Lilla» che pratica soltanto magia bianca.
E sarà lei a trasformare la morte di Aurora, morsa dalla tarantola, nel lungo sonno collettivo di tutto il palazzo e del bosco di ulivi.
Di qui, anche, le belle danze scatenate ed inutili, che vorrebbero esorcizzare il maleficio della tarantola.
Insomma, un balletto ricco, vistoso, pieno di avventure e che - questo è davvero miracoloso - è realizzato da Franzutti con geniale efficacia ed essenzialità drammaturgiche con diciotto ballerini di alta qualità.
Un gran successo.»


Vittoria Ottolenghi

(17 dicembre 2000)

 

 

 
 

 

 ritorna al menù

 

 Video speciali e interviste


Tg regionale per la replica al Teatro Rendano di Cosenza - gannaio 2015

Prima ancora di Charles Perrault, l'italiano Giambattista Basile (nella raccolta Lo cunto de li cunti) narra di una principessa addormentata per un incantesimo nel meridione dell'Italia. Al racconto di Basile, Perrault si ispira per la sua versione edulcorata e borghese. Da qui l’idea di Franzutti, uno dei coreografi più noti nel panorama nazionale, di riportare nel sud del paese le disavventure della bella principessa Aurora. Questo ha permesso, al coreografo salentino, quello che il critico Vittoria Ottolenghi ha definito: “una vera botta di teatro”, e cioè la sostituzione della puntura del consueto fuso con il morso della tarantola salentina. La Principessa Aurora è quindi, nell' edizione di Franzutti, una fresca ragazza mediterranea a cui una vecchia maga predice un atroce destino. 

   

 

 ritorna al menù

 


« Franzutti continua a creare balletti molto ricchi di scene, costumi, musiche con un impianto coreografico di stampo classico e un cast di tutto rispetto. Il prodotto è popolare senza mai scadere nel commerciale.
I ballerini sono bravi.»

Rossella Battisti

2015

 

 



 ritorna al menù

Immagini di promozione


 

 «A parte ogni considerazione di natura filologica, non si può non riportare in cronaca il successo strepitoso che ha avuto lo spettacolo, sottolineato da numerosi e prolungati applausi anche durante l'esecuzione. Possiamo affermare che si è trattato di uno dei più bei spettacoli di danza a cui abbiamo assisitito da queste poltrone.»

Giovanni Oliva

2014



 

 
 
 
 
 

 ritorna al menù

 
 


«Parliamo di Fredy Franzutti, dal ‘95 ha creato una sua compagnia - il Balletto del Sud - instancabile, realmente stabile, e riesce a riempire i teatri. A fare, per esempio, con questo suo spettacolo, diversi “esauriti” in grandi e antichi teatri all'italiana, con esito trionfale...»

Vittoria Ottolenghi

 

 
 

 ritorna al menù

 

↑ Boryana Petrova e Alexander Yakovle, prove in sala



↑ Andrea Sirianni, Carabosse prove trucco

 


EFFETTO AURORA a cura di Vittoria Ottolenghi


spettacolo del Balletto del Sud
 
 
prima rappresentazione 9 dicembre 2000 - Teatro Politeama Greco Lecce. Tournée nazionale.
nuova edizione 25 novembre 2005 - Teatro Politeama Greco Lecce orchestra sinfonica ICO della Fodazione "Tito Schipa" diretta da Carlo Palleschi. Con tournée nazionale.
terza ripresa: 9 dicembre 2011 - orchestra sinfonica ICO della Fondazione "Tito Schipa" diretta da Marcello Panni.

 
Partners: