Home arrow carmina burana
storia - carmina burana PDF Stampa E-mail

ImageI Carmina Burana sono testi poetici contenuti in un importante manoscritto del XIII secolo, il Codex Latinus Monacenis, proveniente dal convento di Benediktbeuern (l'antica Bura Sancti Benedicti fondata attorno il 740 da San Bonifacio nei pressi di Bad Tölz in Baviera) e attualmente custodito nella Biblioteca Nazionale di Monaco di Baviera (Ludwigstraße 16, Monaco).

Il termine Carmina Burana è stato introdotto dallo studioso Johann Andreas Schmeller nel 1847 in occasione della prima pubblicazione del manoscritto. Tale codice comprende 315 componimenti poetici su 112 fogli di pergamena decorati con miniature. Sembra che tutte le liriche dovessero essere destinate al canto, ma gli amanuensi autori di questo manoscritto non riportarono la musica di tutti i carmi, cosicché possiamo ricostruire l'andamento melodico originale solo di 47 di essi. Il codice è suddiviso in sezioni:

Carmina moralia (1-55), argomento satirico e morale;
Carmina veris et amoris (56-186), argomento amoroso;
Carmina lusorum et potatorum (187-228), canti bacchici e conviviali;
Carmina divina, argomento moralistico sacrale (questa parte fu probabilmente aggiunta all'inizio del secolo XIV).

I testi, dal contenuto satirico ed umoristico, talvolta spinto, pagano e anticlericale, ma schietto e spontaneo (tutti in latino eccetto 47, scritti in alto tedesco) hanno argomento evidentemente molto diverso tra loro e dimostrano la poliedricità della produzione goliardica. Nella gran parte sono stati attribuiti ad un certo Gòlia (forse nome di fantasia), da cui deriva in ogni caso la parola “goliardi”, oggi attribuita agli studenti universitari. Se da un lato troviamo i ben noti inni bacchici, le canzoni d'amore ad alto contenuto erotico e le parodie blasfeme della liturgia, dall' altro emergono un moralistico rifiuto della ricchezza e la sferzante condanna della curia romana, dedita solo alla ricerca del potere.

Image Così recita il carme n. 10: La morte ormai regna sui prelati che non vogliono amministrare i sacramenti senza ottenere ricompense [...] sono ladri e non apostoli, e distruggono la legge del Signore.
Ancora il carme 11:Sulla terra in questi tempi il denaro è re assoluto.[...]La venale curia papale ne è quanto mai golosa. Esso impera nelle celle degli abati e la folla dei priori, nelle loro cappe nere, inneggia solo a lui.

Queste parole dimostrano chiaramente come gli autori di questi versi (i cosiddetti clerici vagantes) non fossero unicamente dediti al vizio, ma che si inserissero anche loro in quella corrente contraria alla mondanizzazione della Chiesa e alla conformazione monarchica del papato, ma al contempo fautrice di una ideologia progressista, lontana dalla clausura della vita monastica. D'altra parte la varietà di contenuti di questo manoscritto è anche indiscutibilmente ascrivibile al fatto che i vari carmina hanno autori differenti, ognuno con un proprio carattere, proprie inclinazioni e probabilmente propria ideologia, non trattandosi di un "movimento letterario" compatto ed omogeneo nel senso moderno del termine.

I testi originali sono inframmezzati da notazioni morali e didattiche, come si usava nel primo Medioevo, e la varietà degli argomenti (specialmente religioso e amoroso ma anche profano e licenzioso) e delle lingue adottate, riassume le vicende degli autori, i clerici vagantes altrimenti detti goliardi (dal nome del mitico vescovo Golia) che usavano spostarsi tra le varie nascenti università europee assimilandone lo spirito più concreto e terreno.

Nel 1937, il compositore tedesco Carl Orff musicò alcuni brani dei Carmina Burana, realizzando un'opera con lo stesso nome per orchestra, coro e tre solisti. Orff scelse di comporre una musica nuova, sebbene nel manoscritto originale fosse contenuta una traccia musicale per alcuni dei brani.
Inizialmente la musica dei Carmina Burana fu criticata e condannata come “musica degenerata” ma in seguito questo lavoro, anche per l’afflato vitalistico che aleggia per tutta la partitura fu accolto con entusiasmo dal regime nazista come una celebrazione della primitiva “cultura ariana” ma il tempo ha sfrondato via ogni sospetto di ideologismo e ha consegnato (dagli anni ’60) questo indiscusso capolavoro alla sua non comune fortuna presso il vasto pubblico di sempre. La composizione oggi è parte del repertorio classico internazionale e alcuni brani - come “O Fortuna” - sono stati utilizzati in numerosi film, come “Excalibur”, “Il Presagio”, “The Doors”, e nella pubblicità.


I Carmina Burana di Carl Orff, ha affascinato molti coreografi del Novecento – da Mary Wigman a John Butler a Micha van Hoecke. A differenza della versione in forma di concerto, quella coreografata è pensata per arricchire le forti dinamiche sonore di Orff con nuovi motivi dinamico-coreografici ispirandosi allo stesso lavoro che Orff faceva con la scuola da lui fondata, la Güntherschule, unendo la musica, il gesto, il canto.